Logo San Marino RTV

Senegal e Giappone proseguono a braccetto: 2-2

24 giu 2018
@ansa
@ansa
Papere e spettacolo nella sfida per la vetta solitaria del Gruppo H, che invece resta a metà tra Senegal e Giappone. 2-2, con una rete a testa per tempo e con un errore a testa, e per tempo, anche per i due portieri.

Comincia Kawashima: Sabaly s'avventa su un cross di Wagué allungato da Haraguchi e calcia in porta, l'estremo nipponico respinge coi pugni addosso a Manè e gli africani sono avanti. Sin lì in difficoltà, il Giappone comincia a farsi più positivo e al 34° impatta: Nagatomo s'infila alle spalle della difesa senegalese su un lancio dalle retrovie, rientra con un po' di fortuna e cede la palla a Inui, che mira l'angolo basso e lo trova con un destro a giro.

La ripresa conferma la crescita degli asiatici, che sfiorano il raddoppio in un paio di occasioni. Il protagonista è Osako, che svirgola a tu per tu con N'Diaye su cross di Shibasaki e poi s'inventa un'apertura di tacco per Inui: altra meraviglia a giro ma niente doppietta, solo traversa. Scampato il pericolo, il Senegal torna avanti: numero di Manè e palla a Sabaly, che si libera di Shibasaki girando su se stesso e mette in mezzo, dove Niang la prolunga per il colpo vincente di Wagué. A ristabilire la parità è il fu n°10 del Milan Honda, anche se il grosso del “merito” è di N'Diaye: il portiere senegalese esce male sul traversone di Osako, Inui rimette dentro e l'ex rossonero completa l'opera a porta sguarnita.