Logo San Marino RTV

Svizzera in rimonta sulla Serbia: 2-1 e primato col Brasile

22 giu 2018
Kaliningrad Arena
Kaliningrad Arena
Paziente ma inesorabile, e ora in testa al Gruppo E insieme al Brasile. La Svizzera ribalta la Serbia con un 2-1 in rimonta firmato al 90° dall'ex Inter Shaqiri, al termine di una partita bella e piena di occasioni. Elvetici e Seleçao ora comandano con un punto di vantaggio sui balcanici, un colpaccio fondamentale visto il calendario. I ragazzi di Petkovic se la vedranno con la già eliminata Costa Rica, mentre la Serbia è attesa dall'ostico confronto coi brasiliani, che tra l'altro non potranno permettersi distrazioni.

Primo tempo che vede gli slavi più propositivi e meritatamente avanti fin dal 5°. Sommer si oppone al colpo di testa di Mitrovic, che ci riprova su cross di Tadic - smarcatosi su Rodriguez con un numero - e stavolta fa centro. Stojkovic fa il fenomeno su Dzemaili - liberato in area da Zubar - ma la Svizzera è in costante crescita e in avvio di ripresa impatta. La retroguardia serba si perde a destra Shaqiri, il cui tiro sbatte su Kolarov e rimbalza al limite. Dove sta ancora girando su se stesso quando Xhaka arriva e scarica un mancino a incrociare che prende in controtempo Stojkovic, battuto inesorabilmente. Shaqiri quasi raddoppia con un meraviglioso mancino a giro infrantosi sul palo, mentre la Serbia chiede un rigore sacrosanto per il doppio placcaggio di Lichtsteiner e Schar su Mitrovic. L'arbitro però prende un abbaglio e fischia il fallo all'attaccante, la mancata chiamata in causa del VAR completa l'opera.

La Svizzera continua a spingere e Ivanovic mette una pezza su Gavranovic, innescato da Shaqiri, ma paradossalmente il ribaltone arriva in contropiede. La difesa elvetica respinge un traversone dalla destra e stavolta è Gavranovic a lanciare Shaqiri, che si fa metà campo palla al piede, resiste al ritorno di Tosic e batte Stojkovic.