Logo San Marino RTV

Spettacolo a Pordenone, Reggiana ko 4-3

25 mar 2018
Pordenone - Reggiana 4-3Spettacolo a Pordenone, Reggiana ko 4-3
Spettacolo a Pordenone, Reggiana ko 4-3 - Nel primo tempo ci sono le doppiette di Gerardi e Cattaneo, nella ripresa Zammarini e De Agostini al...
La Reggiana non perde quasi mai – un solo ko nelle ultime 17 – ma quando lo fa, lo fa in maniera spettacolare. Lo scorso 22 dicembre, con la Feralpi, dissipò il doppio vantaggio prendendo 3 gol in 8', stavolta, 9 turni dopo, cade 4-3 sul campo del Pordenone, in un incontro che ha regalato di tutto e di più.

Il primo tempo è un ping pong tra Gerardi e Cattaneo, coi due gol del centravanti seguiti, a stretto giro, da quelli dell'ex neroverde. Si comincia all'8°: progressione e traversone di De Agostini, Gerardi svetta tra Crocchianti e Genevier e la festa ha inizio. E 2' dopo prosegue: cross dalla fascia, Formiconi anticipa Panizzi ma così facendo arma la stoccata vincente di Cattaneo. Facchin rischia il pasticcissimo su punizione di Burrai, Burrai che poi batte dalla bandierina per il riscatto di Formiconi, il cui prolungamento sul secondo palo viene spinto in rete di testa Gerardi. Gioia tripla per l'attaccante, frenato da un lungo infortunio e a secco da inizio novembre. Come prima, tempo 3' e Cattaneo replica: l'ex di turno si accentra da destra e batte col mancino, Mazzini non è proprio perfetto e doppietta – e pari – sono serviti.

Con la ripresa entra in gioco un terzo protagonista, Zammarini, pericoloso con un doppio tentativo stoppato dal rinvio di Facchin e poi autore del tris ramarro: palla di Berrettoni respinta timidamente della difesa, il centrocampista si coordina e insacca al volo. Ed è ancora lui a prendersi l'intervento killer di Ghiringhelli, un'entrata a forbice da rosso diretto che lascia in 10 la Regia.

Bastrini – incornata da centro area che sorvola di poco la traversa – non la impatta, Nunzella – fiacco nel regalare a Facchin un campanile molto invitante – non la chiude. E allora ci pensa De Agostini: acrobazia su azione d'angolo e poker del presunto ko. Presunto, perché al 91° Altinier ringrazia Stefani per la libertà e la riapre col pallonetto. Ma ormai è tardi: la Reggiana scivola a -10 dal Padova e gli consegna mezza B, il rinato Pordenone di Rossitto invece torna a sognare in grande.


RM