Logo San Marino RTV

Supercoppa Italiana: Juventus K.O per il secondo anno consecutivo. Dopo il Milan passa anche la Lazio

14 ago 2017
Supercoppa 2017 alla LazioSupercoppa Italiana: Juventus K.O per il secondo anno consecutivo. Dopo il Milan passa anche la Lazio
Supercoppa Italiana: Juventus K.O per il secondo anno consecutivo. Dopo il Milan passa anche la Lazio - La cruda analisi arriva direttamente dalle parole di Massimiliano Allegri. “ Abbiamo bisogno di un b...
La cruda analisi arriva direttamente dalle parole di Massimiliano Allegri. “ Abbiamo bisogno di un bagno di umiltà” ha sintetizzato il tecnico bianconero. Esattamente come lo scorso anno la vincitrice del double (Coppa Italia – Scudetto), si piega in Supercoppa Italiana: lo scorso anno a Doha poco prima di Natale fu il Milan ad incidere il proprio nome, ieri una grande Lazio capace di frustare i bianconeri per almeno 80 minuti, poi complicarsi la vita, ed infine come nel miglior copione di un film a lieto fine per le tinte biancocelesti, esce il classico coniglio dal cilindro. In questo caso si tratta dell'ex ultrà della Lazio Alessandro Murgia. Il ragazzo di 21 anni sferra la coltellata finale e fa stramazzare la Juventus e in parte anche la sua campagna acquisti. Siamo solo ad inizio stagione impossibile e irrispettoso sarebbe tirare sentenze, ma è chiaro che il gioco da ragazzi di Lukaku su De Sciglio, ha mandato in furia il popolo bianconero che gia' avvertiva prurito all'acquisto nemmeno a buon prezzo dell'ex rossonero. E in rossonero ci è andato Bonucci, ieri sera rimpianto totale di una difesa apparsa poco geniale. Il calcio di ferragosto non ha mai prodotto vittime, ma è chiaro che i rispettivi allenatori spunti ne devono trarre. Simone Inzaghi continua a stupire: il sostituto, all'ultimo momento del capriccioso Bielsa, sta diventando uno dei migliori allenatori italiani, pregio infinito quello di saper valorizzare giocatori. Ciro Immobile con lui è tornato ad essere un bomber di assoluto livello. Sempre a segno in questa calda estate esaltandosi con la doppietta che sembrava aver dato scacco alla Juve. Poi arriva il nuovo numero 10 l'erede dei vari Sivori, Platini, Zidane, Baggio, Del Piero, ossia Paulo Dybala rimette, da solo, in piedi una signora vecchia e stanca. Tutto e tutti a quel punto pensavano che i supplementari avrebbero premiato la vecchia signora rinvigorita dal suo asso. Ed invece Lukaku decide di far capire a De Sciglio che per stare a certi livelli occorre applicarsi di più, opera un assist esagerato che il ragazzo della nord, spedisce alle spalle di Buffon. Favola Lazio, Allegri non fa drammi ma riflette.

Lorenzo Giardi