Logo San Marino RTV

Teramo: è Serie B dopo 102 anni

3 mag 2015
Teramo: è Serie B dopo 102 anni
Teramo: è Serie B dopo 102 anni
Savona è per un giorno protesi abruzzese, enclave di Teramo che fa del Bacigalupo un suo feudo sportivo per il sabato pomeriggio più importante della storia ultracentenaria del club biancorosso.
Al Savona serve una vittoria per sperare ancora nella salvezza diretta, ma gli uomini di Vivarini non fanno sconti.
Al sesto è un teramano DOC, Di Paolantonio – sugli sviluppi di una punizione di Lapadula, uomo simbolo della promozione teramana – a sbloccare l'incontro e a strizzare l'occhio, per la prima volta nella storia della società, alla Serie B.
C'è anche un pizzico di Tonti nella trasferta ligure, indimenticabile per i tifosi ospiti che preparano l'urlo liberatorio già al 37', quando il lob di Donnarumma ne tradisce le aspettative.
Nella ripresa c'è un po' più di Savona, ma non basta. L'imperioso anticipo di Perrotta inizia a dipingere la storia del club, che si aggiorna sull'ennesimo duetto vincente Donnarumma-Lapadula. L'ex San Marino, come al San Marino, va a prendersi la vetta della classifica cannonieri nell'anno della promozione. Nessuno come Donnarumma e Lapadula tra i professionisti in Italia: 41 gol in due e la realizzazione di un sogno che rischia di divenire ricordo offuscato per il capitano della storia, Speranza, travolto dall'uscita di Tonti.
Si gioca ancora quando qualche dozzina di tifosi teramani è già pronta sulla linea dell'out per investire d'entusiasmo i propri beniamini e il condottiero Vivarini. Poco addosso, molto dentro: il Teramo vince meritatamente il campionato di Lega Pro Girone B e da oggi è già con la testa al primo storico campionato di Serie B.
Per il Savona il tempo della festa – dovesse arrivare – è ancora ben lontano, un playout circa.

LP