Logo San Marino RTV

Trapani in B, Piacenza ko 2-0

Nzola e Taugourdeau cancellano il pari dell'andata e riportano in cadetteria i siciliani, che ora passano al finanziere Heller.

di Riccardo Marchetti
16 giu 2019
Trapani in B, Piacenza ko 2-0
Trapani in B, Piacenza ko 2-0

La seconda finale playoff ricalca la prima, col Trapani che imita in tutto – o quasi – i gemelli di tribolazioni del Pisa. Come i nerazzurri, i siciliani ritrovano la Serie B dopo due anni e lo fanno cancellando il pari dell'andata: 2-0 al Piacenza in una partita senza storia, giocata in un Provinciale gremito di granata che per 97' carica i suoi con cori e sbandierate. Finale trionfale per una stagione che rischiava addirittura di non partire, con quell'iscrizione a lungo in dubbio e arrivata solo in extremis. Ora invece ecco la promozione e pure l'ennesima, sospirata svolta societaria, col finanziere romano Giorgio Heller che annuncia l'acquisizione dell'80% del club.

Trapani col gas aperto già dopo 1', con Fumagalli a togliere dall'angolo basso il destro dalla distanza di Corapi. Il portiere emiliano è costretto a replicare su Nzola, liberatogli davanti dal suicidio di Bertoncini, ma per il vantaggio siciliano è solo questione di minuti. Ramos allunga di testa verso il limite dell'area e Pergreffi s'incarta nel duello aereo con Nzola, che stavolta, dopo un iniziale smarrimento, non fallisce: tocco di sinistro per girarsi, destro a fil di palo per sbloccarla.

Il Piacenza si fa notare solo per il pauroso scontro tra Bertoncini e Corradi, che saltano a cercare il pallone e invece fanno testa contro testa: il primo ha la peggio e pur non perdendo conoscenza viene portato in ospedale per gli accertamenti del caso. Per fortuna nulla di grave, la TAC ha dato esito negativo e il giocatore è rientrato con la squadra.


Si procede ed è sempre solo Trapani, con l'ex portiere del San Marino Dini che pericoli non ne corre. La fine dei giochi la decreta un corner di Corapi: Da Silva e Golfo si disturbano a vicenda, il pallone resta lì e Taugourdeau non se lo lascia sfuggire, insaccando al volo. E la spinta continua: Golfo vince un rimpallo, punta la porta e libera Evacuo, il cui tiro è troppo centrale per beffare Fumagalli. L'ultimo sussulto prima della festa nasce dallo scambio tra Corapi e Tulli, la cui incursione viene sventata dalla deviazione di Pergreffi.