Logo San Marino RTV

Venezia: la rimonta sul Teramo vale la vetta

16 ott 2016
Venezia: la rimonta sul Teramo vale la vettaVenezia: la rimonta sul Teramo vale la vetta
Venezia: la rimonta sul Teramo vale la vetta - Non basta la perla di Ilari agli abruzzesi per uscire indenni dal Penzo: Geijo e Fabris guidano i la...
Rimandato il primo successo esterno per il Teramo di Nofri, che pure al Pierluigi Penzo di Venezia era andato in vantaggio col gran gol di Ilari, capace di battere imparabilmente Facchin alla prima vera sortita offensiva degli abruzzesi. Davvero splendida la traiettoria disegnata dal mancino dell'ex centrocampista del Santarcangelo, che trova così la sua prima gioia con la casacca del Teramo.

Fin lì, infatti, la partita l'avevano fatta quelli di Inzaghi, sovente in pressione dalle parti di Rossi, pur sollecitato il giusto.

Ancora una volta il Venezia si trova ad inseguire, dimostrando di saper fare emergere la propria personalità nelle situazioni difficili: Geijo – alla mezz'ora – devìa di ginocchio in fondo al sacco il cross ad occhi chiusi di Baldanzeddu, rimettendo in discussione una partita che già cinque minuti dopo avrebbe potuto trovare nuovo padrone, non fosse stato per il miracolo difensivo di Tommaso D'Orazio, capace di negare a Marsura la gioia del gol. Vede bene la terna arbitrale, che non concede la rete.

Dove non arriva il Teramo ci pensa la traversa: 1-1 a fine primo tempo dopo il piazzato di Pederzoli.

Venezia al comando delle operazioni anche nella ripresa, con Marsura a sfiorare il 2-1 al 52': attentissimo Rossi che chiude anche sul successivo tentativo.

Il gol del meritato vantaggio lagunare dista però pochi secondi ancora: Garofalo pesca sul secondo palo Fabris che – perso da Di Paolantonio – incrocia col piattone per ribaltare il risultato.

Il Teramo torna così a costruire e sulle conclusioni di Sansovini e Scipioni c'è lavoro per Facchin, puntuale in chiusura in entrambe le situazioni.

I padroni di casa non concedono agli avversari la cortesia di lasciare in bilico l'incontro e sull'asse Fabris-Geijo, i migliori in campo, chiudono i conti: stop e sinistro da manuale per l'ex Udinese, che riporta il Venezia in vetta alla classifica del campionato, pur condivisa con Bassano e Sambenedettese.

Non riesce nemmeno ad indorare la pillola, nel finale, il Teramo, che sbatte contro un grandissimo Facchin sul destro a botta sicura di Bulevardi.

LP