Logo San Marino RTV

Vis Pesaro, Crespini: "Recuperiamo gli assenti, per ora grande Voltan. San Marino? Dovrebbe veleggiare tra C e D"

"A Santarcangelo si è persa un'occasione, con quella penalizzazione dovuta ai commercialisti si è fatto disimpegnare un'imprenditore".

22 ott 2019
direttore sportivo Vis Pesaro, Claudio Crespini

L'inaspettato successo sul Piacenza ha posto fine alla caduta libera della Vis Pesaro, che dopo la doppietta di vittorie contro Cesena e Samb aveva messo insieme due pari in 6 gare. Con questa botta di vita i biancorossi escono dalla zona playout ed entrano con lo spirito giusto in un filotto di scontri salvezza che, se non decisivo, sarà cruciale per il prosieguo della stagione: Fano, Gubbio, Rimini e Imolese, da affrontare, come sottolinea il direttore sportivo Claudio Crespini, con la rosa finalmente al completo. "Sapevamo che avremmo recuperato tra la settima e decima giornata il portiere, il play difensivo Botta e il play di centrocampo Lazzari - spiega - grazie a Dio Voltan ci sta trascinando: ha fatto bene anche da centrocampista e ha segnato 4 gol ,tutti decisivi per le nostre vittorie".

Crespini si sofferma anche su due ex dal passato importante e dal presente assente o difficile: il Santarcangelo, sparito dopo la retrocessione in Eccellenza, e il San Marino, ormai Cattolica e sempre più ancorato ai bassifondi della Serie D. "A Santarcangelo si è persa un'occasione di far parte di un progetto importante - osserva - con quella penalizzazione dovuta ai commercialisti si è fatto disimpegnare un'imprenditore che avrebbe portato nuova linfa. A San Marino non so che succede, spero se la cavi. Ha mille vite, come ha dimostrato l'anno scorso vincendo un playout. Lo spero di cuore, anche perché San Marino dovrebbe sempre veleggiare tra la Serie C e la Serie D".