Logo San Marino RTV

Campionato: Davide Massaro decide il derby play off tra Tre Fiori e Fiorentino

La squadra di Matteo Cecchetti si qualifica per la semifinale dove affronterà la vincente di Tre Penne - Folgore

4 mag 2019
SRV_FIORENTINO_TRE_FIORI_TG_SPORT_1915_04052019
SRV_FIORENTINO_TRE_FIORI_TG_SPORT_1915_04052019 - La squadra di Matteo Cecchetti si qualifica per la semifinale dove affronterà la vincente di Tre Pen...

Il sesto appuntamento stagionale con il derby di Fiorentino si rivela il più decisivo tra tutti poiché mette in palio la semifinale. Massimo Campo deve fare i conti con le assenze di Rossi, Jaupi e Pratelli, ma non può permettersi di rinunciare al sogno semifinale: l'impresa vale il rischio di una caduta. Compagno, come all'andata, continua ad essere uno degli avversari più pericolosi e temibili: suoi i gol che all'andata ribaltarono l'iniziale vantaggio rossoblù. La difesa del Fiorentino regge i colpi, ma in avanti si sentono le defezioni. Lo 0-0 continua a tenere in partita i ragazzi di Massimo Campo, che al 35' si vedono dalle parti di Aldo Simoncini grazie all'azione creata da Alvaro Musta: l'albanese, ex Murata, prova a rompere gli equilibri e a rendere più facile l'impresa, ma non trova la via del gol. Dall'altra parte del campo, prima dell'intervallo Apezteguia va vicinissimo all'1-0 con una rovesciata che strappa applausi, ma non raggiunge gli esiti sperati. Si passa alla ripresa. Momenti di paura per Luca Bianchi per uno scontro fuori dall'area di rigore: entrano i sanitari, ma dopo pochi minuti il gioco riprende con il numero 1 regolarmente tra i pali rossoblù. Le belle ripartenze e l'atteggiamento encomiabile in difesa sono troppo poco: il Fiorentino cede e si inchina a una perla di Davide Massaro che con dieci minuti di anticipo permette al Tre Fiori di chiudere la pratica. Idea ed esecuzione perfetta per il numero 10, classe 98'. I ragazzi di Campo continuano a subire anche nel finale, ma il subentrato Vassallo e Andrea Compagno falliscono il colpo del 2-0. Vittoria di misura per l'undici di Cecchetti che raggiunge con merito la semifinale.

Paolo Santi