Logo San Marino RTV

Coppa Titano: Tre Penne mette la sesta

27 apr 2017
Alex Gasperoni riceve la Coppa TitanoCoppa Titano: Tre Penne mette la sesta
Coppa Titano: Tre Penne mette la sesta - Nella notte cori e grande festa per giocatori società e tifosi
A San Marino Città viene abolita ufficialmente la discriminazione verso il 17, numero dal quale nella superstiziosissima Italia, e San Marino non fa eccezione, in molti ancora si tengono alla larga. Di sicuro non più il Presidente del Tre Penne Fabrizio Selva, amante e maniaco delle statistiche che da oggi inserisce il 17 tra le sue risorse personali. Nel 2017 e dopo 17 anni il Club della Capitale del Titano, riapre la bacheca e va ad infilarci il Trofeo più antico del calcio sammarinese quella Coppa Titano, che mancava da troppo tempo. E' la sesta, per una società, ormai incapace di restare fuori dalle fasi finali delle competizioni sammarinesi da diversi anni. Vince il Tre Penne, sull'altra società più vincente di San Marino almeno nelle ultime stagioni, quella Fiorita, che si è battuta quasi ad armi pari. Perchè quasi? Perchè quando in una finale si presenta una lista di 16 e non di 18 giocatori, al netto degli infortuni, qualcosa gioco/forza paghi. Questa una lettura, l'altra è che il Tre Penne è stato superiore, e stop. Primo tempo in cui Vivan vince tutti i duelli con lo scatenato Michele Simoncelli. Nella ripresa l'episodio: con il goal annullato a Rinaldi. Proteste vivaci, ma terna arbitrale inamovibile. Goal annullato a parte, continua anche nel secondo tempo, il monologo Simoncelli – Vivan, il portiere interrompe tutto, fino al minuto 18, quando la sua conclusione, più tiro che cross, lo sorprende. E' il goal che apre la scatola, è il goal che indirizza la Coppa verso la capitale. La Fiorita avanza il baricentro, ma occasioni da goal proprio non se ne vedono. Marco Martini, miglior bomber della competizione, non è incisivo come al solito, e l'assenza del Capitano Andy Selva si sente eccome. Vivan, è continuamente sollecitato dal solito, migliore in campo per distacco Michele Simoncelli, ma chi rischia davvero il secondo, è il figliol prodigo, Mirko Palazzi. Poi il secondo, arriva davvero ed è una perla di uno che il Tre Penne, è la sua seconda pelle. “Scud” di Pietro Calzolari a togliere le ragnatele, e possono partire i cori, la festa, e il discorso del Presidente Selva che segna così il terzo goal, a distanza di un paio d'ore dal fischio finale di una partita che ha ribadito che tra, Tre Penne e Fiorita vince sempre il Tre Penne. Coppa Titano e biglietto per l'Europa League fatto, adesso c'è il campionato. Al San Marino Stadium, Tre Penne batte Fiorita 2 a 0

L.G