Logo San Marino RTV

Dopo diciassette anni, la Coppa torna in Città: Tre Penne campione - LA CRONACA

27 apr 2017
Dopo diciassette anni, la Coppa torna in Città: Tre Penne campione - LA CRONACA
La Fiorita (3-5-2) Vivan, Martini, Olivi, Mazzola, Gasperoni, Cejas, Mazzola, Zafferani (44’ st Guidi), Cangini, Rinaldi, Mottola (31’st Parma), Martini (44’ st Lunadei). A disp: Bollini, Cavalli
Allenatore: Bizzotto

Tre Penne (4-3-3) Migani, Cesarini, Fraternali, Rossi, Merendino (24’ st Bonini), Gasperoni, Partegnani, Gai, Palazzi (47’ st Capicchioni), Moretti (40’st Calzolari), Simoncelli. A disp: Macaluso, Censoni, Valli, Chierighini
Allenatore: Protti

Arbitro: Avoni
Assistenti: Tuttifrutti, Guidi
Giudici di Linea: Guidi, Uncini
Marcatori: 18’ st Simoncelli, 44’ st Calzolari
Ammoniti: 10’ st Cesarini, 25’ st Rinaldi, 27’ st Moretti

Cronaca
La cinquantasettesima finale di Coppa Titano, è prevedibilmente una partita chiusa, molto tattica, che lascia poco spazio allo spettacolo data la posta in palio. Al 10’ una punizione laterale di Cangini viene smanacciata da Migani in corner. Cinque minuti più tardi la squadra di Città si affaccia in avanti con Simoncelli, che ben servito da una sponda di Moretti ci prova dal limite dell’area, stringendo troppo l’angolo e spedendo a lato. Al 17’ una punizione calciata da Mottola attraversa pericolosamente tutta l’area senza trovare nessuno pronto alla deviazione. Al 34’ l’occasione più importante del primo tempo capita sui piedi di Patregnani che, dopo un batti e ribatti in area calcia di prima intenzione, ma Vivan è attento e respinge la minaccia. Al 39’ ultimo tentativo della prima frazione con Simoncelli che ci prova dalla distanza, trovando la respinta di un attento Vivan.
Nella ripresa al 9’ una conclusione di Moretti da fuori termina a lato. Due minuti dopo Mottola pennella un cross sulla testa di Rinaldi che segna, ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Al 18’ Palazzi lotta con Gasperoni sull’out di sinistra per poi servire Simoncelli che non ci pensa due volte e tira, pescando una traiettoria ad effetto che si va ad infilare esattamente nel sette, dove Vivan non può nulla, portando in vantaggio i bianco azzurri. Alla mezz’ora punizione di Simoncelli che trova i pugni del portiere; un minuto più tardi assolo di Palazzi che penetra nella retroguardia avversaria e impegna con un insidioso tiro-cross Vivan che si rifugia in angolo. Sul capovolgimento di fronte traversone di Rinaldi, uscita a vuoto di Migani e palla che giunge sulla testa del neo-entrato Parma il quale -sorpreso a sua volta- non è lesto ad appoggiare in rete. All’ 44 Gai serve Calzolari a campo aperto, il centrocampista controlla la sfera e fa partire un bolide che si infila sotto l’incrocio dei pali per l’apoteosi del Tre Penne che riporta dopo diciassette anni la Coppa Titano in Città.