Logo San Marino RTV

L'U17 comanda un tempo, la Rapp Lega Pro vince 5-2

Gasperoni e Castellani ribaltano il vantaggio di Abusio, all'intervallo però Arrigoni cambia 9 giocatori e dilaga.

di Riccardo Marchetti
6 feb 2020
l'amichevole
l'amichevole

A Daniele Arrigoni serve praticamente un'altra squadra per avere la meglio su una San Marino U17 che nel primo tempo chiude addirittura in vantaggio. Purtroppo però ci sono l'intervallo e i cambi e la ripresa dice 5-2 per la Rappresentativa Lega Pro. Subito pericolosa con la torsione di testa di Verzeletti e con lo sfondamento di Vinciguerra che libera al tiro Muzio, fermato sulla riga da Pasolini. La spinta si tramuta in vantaggio quando Podda arriva sul fondo e imbuca: Vinciguerra liscia e Abiuso manda sulla traversa, salvo poi ritrovarsela lì e mettere in gol.

Ancora Vinciguerra si fa mezzo campo di corsa per poi sparare a salve su Crescentini, il tutto in ripartenza dopo che Gasperoni non era arrivato di un soffio sull'assist di Sancisi. Sintomo che i biancazzurri sono entrati nella partita, tanto che, in 6', producono il ribaltone: mala respinta di Pircher sulla punizione di Castellani, sulla mischia che segue Gasperoni è il più sveglio ed è pari. La prova del sorpasso è un lancio lunghissimo di Pasolini sul quale ancora Gasperoni si presenta allo sparo, stavolta Pircher copre bene il palo. Ma non può assolutamente nulla sulla meraviglia di Castellani, un destro al volo dal limite imparabile che vale la freccia. E su azione d'angolo ci sarebbe pure l'occasione del tris, Luvisi però colpisce troppo debolmente.

In tutto ciò la Lega Pro torna a farsi viva con Verzeletti – che manca clamorosamente la porta a tu per tu con Crescentini – e con Abiuso, che sul traversone di Podda pecca di istinto killer. Poi la ripresa e le 9 sostituzioni di Arrigoni, che forse il meglio l'aveva tenuto con sé. Infatti dopo 2' c'è già il pari di Cardinali, il più reattivo quando Crescentini incespica sull'ennesimo cross di Podda. Ancora protagonista nel triangolare con Carlini e nel mettere in mezzo per la spaccata a porta aperta di Ruggeri, in due parole il controsorpasso. Ora la Lega Pro comanda facile: Cervellini – subentrato a Crescentini – respinge Cardinali, mentre Podda cerca la gioia personale e manda sull'esterno. Infine, il pokerissimo: Luvisi ferma in tackle Cardinali ma non può nulla su Ruggeri, che raccoglie e firma una comoda doppietta. Altrettanto comodo il sigillo finale di Monaldi, smarcato in area da Cardinali sugli sviluppi di un rinvio errato di Cervellini.