Logo San Marino RTV

Mondiali 2018, domani San Marino-Azerbaijan. I biancoazzurri a caccia di un punto

3 set 2016
Mondiali 2018, domani San Marino l'Azerbaijan. I biancoazzurri a caccia di un punto
Mondiali 2018, domani San Marino l'Azerbaijan. I biancoazzurri a caccia di un punto - La nazionale domani alle 18 esordirà nelle qualificazioni ai mondiali di Russia 2018. Si gioca al Sa...
Biennio nuovo, capitano nuovo e, chissà, risultati nuovi. Parte domani alle 18 dallo Stadium di Serravalle l'avventura di San Marino nelle qualificazioni ai Mondiali di Russia 2018: l'obiettivo è sempre quello di regalare ai tifosi la gioia di portare a casa almeno un punto e l'occasione, stavolta, va colta subito. L'avversario di turno è infatti l'Azerbaijan, squadra certamente ostica ma sulla carta nettamente inferiore alle restanti rivali del Gruppo C. Le altre quattro sono la Germania campione in carica, la Repubblica Ceca, l'Irlanda del Nord e la Norvegia: con tutto il rispetto per gli azeri, un'altra categoria. Settembre è sempre un mese ostico ma stavolta Manzaroli ha preparato le cose in grande e ha fatto sudare i suoi per tutto il solitamente vacanziero agosto. E di conseguenza la squadra, nonostante parta coi soliti galloni di sfavorita, ci crede.

E proprio perché si spera nel risultato il CT potrebbe passare al 4-5-1, versione più offensiva dell'abituale 5-4-1. Ma quest'ultimo è per ammissione di Manzaroli l'abito ideale della squadra e probabilmente, almeno in partenza, sarà confermato. Per 6/11 la formazione di partenza è fatta: sicuri Aldo Simoncini in porta, i centrali di difesa Davide Simoncini- Palazzi e quelli di centrocampo Chiaruzzi-Tosi. Il terzo difensore sarà uno tra Cesarini e Fabio Vitaioli mentre terzini saranno l'adattato Rinaldi a sinistra e uno tra Bonini e Brolli a destra. Esterni di centrocampo Matteo Vitaoli e Hirsch mentre come prima punta toccherà a Stefanelli. Ma non è da scartare l'ipotesi di Vitaioli falso 9 con l'esordiente Berardi titolare sulla fascia.


Ma a prescindere dal risultato questa sarà comunque una partita storica, visto che sarà la prima uscita ufficiale dopo le "dimissioni" da capitano di Andy Selva. A sostituire il miglior marcatore biancazzurro di sempre sarà Matteo Vitaioli, ossia colui la cui rete stava per regalare uno storico pareggio esterno in Lituania nell'ultimo biennio. Raccogliere l'eredità di Selva non sarà facile ma il ragazzo – colto leggermente di sorpresa dall'investitura – è pronto e sa di poter contare sull'appoggio dei tanti leader del gruppo.

L'Avversario. L'Azerbaijan è una squadra che nel recente passato ha dato del filo da torcere all'Italia nelle qualificazioni a Euro 2016. Tanti ex Under21 russi in rosa, anche se l'elemento più interessante siede sulla panchina e risponde al nome di Robert Prosinecki. Ex centrocampista dai piedi - è un eufemismo - buoni, Prosinecki è stato uno dei fari sia della Stella Rossa vittoriosa nella Coppa dei Campioni del '92 che della Croazia semifinalista al Mondiale del '98 e ha giocato anche per Real Madrid e Barcellona.

Le altre. Tutte in campo sabato alle 20:45 le restanti squadre del Girone C: la Germania gioca in casa della Norvegia mentre la Repubblica Ceca ospita l'Irlanda del Nord.


Nel video l'intervista al nuovo capitano della Nazionale Matteo Vitaioli