Logo San Marino RTV

Torneo Sviluppo U15, San Marino battuto 3-0 dalla Lettonia

I baltici, già certi del primo posto, s'impongono con reti di Pals, Basko e Petrovs. 4-0 della Macedonia del Nord su Andorra.

di Riccardo Marchetti
29 set 2019
Roneo Sviluppo U15, San Marino battuto 3-0 dalla LettoniaRoneo Sviluppo U15, San Marino battuto 3-0 dalla Lettonia
Roneo Sviluppo U15, San Marino battuto 3-0 dalla Lettonia

San Marino chiude il Torneo dello Sviluppo U15 in quella che è una specie di passerella per la Lettonia, già certa del primato ma non per questo remissiva. Ed è 3-0 per i baltici, avanti già al 10° con una meraviglia di Pals: stop di petto, destro al volo dal lato corto dell'area e palla nell'angolo opposto, per un gol da spellarsi le mani. Sempre Pals dalla bandierina per l'incrociata appena a lato di Jamonts, che al giro dopo si prende l'onere del corner e pennella per lo stacco vincente di Basko. Nel frangente l'arma in più dei baltici è proprio Jamonts che prende possesso della fascia sinistra in cerca del bis di assist: su Grabovskis c'è il salvifico muro di Ciacci, Pals invece si divora la doppietta inzuccando in totale libertà.

A questo punto anche San Marino inizia a mettere il muso fuori: bel numero di Caddy che se l'aggiusta, s'allunga a destra e crossa per Famiglietti, Kiecis ci mette il piede e lo anticipa. Kiecis che poi s'incarta e permette allo stesso Famiglietti di triangolare con Romuald e presentarsi in area, dove stavolta è Laurovs a fermarlo sul più bello. Nella ripresa si parte col sin bin a Ciacci, reo di uno sgambetto da dietro su Petrovs. Biancazzurri con l'uomo in meno per 8' e punizione dal limite di Grabovskis, Bucci respinge a una mano. Lo stesso Bucci si fa involontario assistman per il tiro da fuori di Pals, venendo salvato dalla traversa. Poco può invece sullo spunto di Petrovs che attacca Renzi, gli sradica il pallone e arriva davanti alla porta, dove non può fallire.

Perle e imprecisioni anche quando in porta ci va Borasco: bene sulla punizione di Tihanovics, male quando non trattiene il traversone di Basko e costringe Renzi alla spazzata, di nuovo bene sul tentativo di Basko, pescato sulla sortita a destra di Liepins. In tutto questo San Marino cerca, invano, il suo primo gol nel torneo. Bollini manda alto dalla mezzaluna su respinta corta di Razumejevs, che poi, quando Romuald gli mette davanti Chiaruzzi, se la cava in uscita scoordinata ma efficace. Pessimo invece il suo bagher sulla punizione di Pierini, l'occasione è d'oro ma Romuald, dopo aver preso la mira, non riesce a inquadrare il colpo di testa. Chi inquadra senza problemi è la Macedonia del Nord, vincente 4-0 su Andorra: Kurti, Talevski, Jamini e Gjorgievski gli autori delle reti dei balcanici, che chiudono secondi dietro la Lettonia e relegano al terzo posto i pirenaici. Chiude San Marino, condannato dal ko ai rigori nella seconda gara.