Logo San Marino RTV

U21, Scozia-San Marino 2-0: buona ripresa dei biancazzurrini

Pian piano la retroguardia prende le misure agli assalti dei padroni di casa e il passivo resta quello dell'intervallo.

di Riccardo Marchetti
6 set 2019
Il servizio del match
Il servizio del match

Alla Scozia basta un tempo a gas aperto per aver la meglio su San Marino, che alla lunga comunque prende le misure e contiene i danni entro il 2-0 del 45°. Eppure l’avvio promette anche un po’ di biancazzurro, con Babboni che al 2° scambia in area con Cecchetti e calcia in porta, senza però impensierire Robby McCrorie. Principio e fine dell’illusione, perché la Scozia inizia a spingere sulle fasce e i biancazzurrini si ritrovano in trincea. Holsgrove per la testa di McLennan, De Angelis oppone i guanti. Poi altro spunto di Holsgrove che triangola con Campbell, s’incunea e mette in mezzo un pallone che arriva intonso sul secondo palo, dove l’esordiente Tosi se lo vede carambolare addosso. Autorete e 1-0 che carica la Scozia, che continua a viaggiare spedita sulle corsie. Da sinistra Reading va per Middleton che se lo divora da due passi. Da destra invece è Magennis a far da stantuffo: su uno dei suoi innumerevoli cross De Angelis riesce a respingere Campbell, qui però Middleton è sul pezzo e sigla il raddoppio. Prima del riposo è ancora De Angelis a far muro sull’incursione di Ferguson, avventatosi su un traversone di Magennis intercettato da Moretti.

Nella ripresa l’andazzo non cambia e qui è Reading a sfornare assist che il solito Middleton non riesce a capitalizzare di testa. Quindi la combinazione tra Gilmour e Ferguson libera al tiro Holsgrove, De Angelis ci mette il piede. Le scorribande scozzesi continuano per una ventina di minuti, pian piano però i biancazzurri si mettono a regime e serrano le fila, così da lì alla chiusura occasioni vere non ne arrivano più. E San Marino prova anche a uscire dal guscio con le accelerazioni di Pancotti e Raschi, che però la retroguardia di casa blocca sempre sul nascere. Il finale è abbastanza tranquillo e Costantini lo sfrutta per dare la soddisfazione dell’ingresso anche alle altre due new entry del gruppo, Franciosi e Simone Nanni.