Logo San Marino RTV

Il mondiale rally sbarca in Sardegna

La gara sarà valida anche per il campionato italiano

13 giu 2019
Il mondiale rally sbarca in Sardegna
Il mondiale rally sbarca in Sardegna

E' cominciato questa mattina il rally di Sardegna, gara valevole come ottava prova del mondiale e quarto appuntamento del Campionato Italiano. Il Mondiale rally sbarca in Italia e come da tradizione si corre sugli splendidi sterrati della Sardegna. Gara notoriamente molto selettiva e le prime avvisaglie sono arrivate dallo Shakedown. Il campione del mondo Sebastien Ogier ha primo urtato violentemente un cancello e poi, una volta riparata la sua C3, ha fatto segnare il miglior tempo. La lotta per la vittoria si preannuncia molto avvincente. Subito dietro al campione del mondo, ci sono i rivali di Ogier nella lotta per il titolo iridato, Ott Tanak e Thierry Neuville. Per il belga stessa disavventura di Ogier. Nello stesso punto dello Shakedown, toccata con il posteriore e vettura danneggiata anche per il portacolori della Hyundai I 20. Oltre ai piloti del mondiale, in Sardegna si corre anche la quarta e quinta prova del campionato italiano. Una lotta per il titolo tricolore che vede in testa alla classifica generale il cesenate Simone Campedelli. Tra i protagonisti del CIR, il trevigiano Giandomenico Basso, che torna sull'isola con Lorenzo Granai al volante della Skoda Fabia R5. Voglia di riscatto invece per il friulano Luca Rossetti, navigato da Eleonora Mori, in cerca della prima soddisfazione stagionale. La sorpresa potrebbe arrivare da Andrea Crugnola che proverà a mettere a frutto i tanti chilometri fatti sulla terra con la Skoda Fabia R5. Sul palcoscenico del mondiale anche Umberto Scandola con la Hyundai i20 R5 e Giuseppe Testa, navigato dal sammarinese Massimo Bizzocchi. Il programma del Campionato Italiano sarà identico a quello dei piloti del WRC con 19 prove speciali per un totale di 310 km cronometrati.