Logo San Marino RTV

Marquez pole e record della pista

14 set 2013
Marquez pole e record della pistaMarquez pole e record della pista
Marquez pole e record della pista - Il leader del mondiale entra nel libro dei record e agguanta la pole davanti a Lorenzo e Rossi.
Misano abbraccia nuovamente il Motomondiale, San Marino risponde presente. Così come ci sarà da contratto l'edizione 2014, poi si vedrà. Il sabato del GP di San Marino 2013 inizprestosto, con i piloti di Moto3 già in pista dalle nove, alle prese con le terze libere. Rins e Folger - nell'ordine - si confermano i più veloci, Fenati sesto fa ben sperare.
Di lì a poco anche la MotoGP apre i battenti: Marquez avvicina il record del circuito griffato Lorenzo nel 2011, facendo registrare un 1'33.975 di soli 69 millesimi più lento del riferimento cronometrico di due anni precedente. Dietro di lui Pedrosa e Lorenzo, Valentino quarto davanti ad un ritrovato Dovizioso e un competitivo Bautista del Team GO & Fun Honda Gresini.
L'ultima sessione delle libere di Moto2, con il dominio Kalex coniugato in Rabat, Nakagami ed Espargaro, fa da tendina alle qualifiche di Moto3. Alex De Angelis conferma le difficoltà incontrate già ieri con la sua Speed UP e non va oltre la 24° piazza.
Si diceva delle qualifiche di Moto3: i due più veloci si confermano Folger e Rins, ma questa volta a spuntarla è il tedesco che precede il nativo di Barcellona di 61 millesimi. Completa la prima fila tutta KTM Maverick Viñales. Ad aprire la seconda l'altra KTM di Khairuddin, che al suo fianco trova il cattolicino Nicolò Antonelli, del Team GO & Fun. Esordio assoluto in Moto3 per il fratello di Valentino Rossi, Luca Marini: per lui un 29° posto in griglia.
Spazio alla MotoGP: nelle ultime libere continua il dominio di Marquez che, nonostante una caduta senza conseguenze, fa registrare il miglior tempo davanti a Lorenzo e Bautista, che precedono Rossi, Pedrosa e Dovizioso.
Il Q1 seguente mette in luce Pirro che anticipa Cal Crutchlow. Ma il piatto forte è il Q2, dove Marquez stampa subito un 1'33.404 che già basterebbe per la pole, perché Lorenzo prima (+0.024) e Valentino poi (+0.269) non riescono a fare meglio. Ma la chicca è nel finale, dove Marquez demolisce il record del circuito, appartenente a Stoner che nel 2011 fece segnare il tempo di 1'33.138. Il Cannibale della Honda ha oggi abbattuto il muro dell'1'33.000, stampando un 1'32.915 che lascia a bocca aperta. E non è che l'inizio.
In Moto2 è tutto aperto, con la pole di Pol Espargaro, in prima fila con Rabat e Nakagami. Tutti in meno di un decimo. Poi Luthi, Redding e Simeon. Pasini è undicesimo, il weekend nero di De Angelis dice 22, staccato di quasi due secondi da chi lotta per vincere. Miracolo cercasi.

Luca Pelliccioni

L'intervista al sammarinese Alex De Angelis




L'intervista al Segretario di Stato allo Sport, Matteo Fiorini