Logo San Marino RTV

Misano: Lorenzo vince in partenza, Valentino fuori dal podio

15 set 2013
Misano colonia spagnola: Rins ed Espargaro si aggiudicano il Gran Premio
Misano colonia spagnola: Rins ed Espargaro si aggiudicano il Gran Premio
Misano colonia spagnola? I risultati dalle due ruote mondiali fanno invidia ai conquistadores, e il GP di San Marino non si discosta dalla regola. Podio tutto iberico in Moto3, dove la pole di Folger lasciava sperare - invano - ad un epilogo diverso da quello programmato. Il ritiro del teutonico ha aperto le porte alla corrida tra Marquez, Viñales e Rins, in cui proprio quest'ultimo si impone, con tanto di duello avvincente con Viñales, rimettendosi in gioco in previsione titolo.
In Moto2 il fattore novità si chiama Nakagami, spesso protagonista il sabato, meno la domenica. Prova a far saltare il banco spagnolo, guidando il gruppone fino a due giri dal termine. Ma all'alba dell'ultimo deve cedere all'infilata di Espargaro, che dopo la pole di ieri mette le mani anche sul Gran Premio, davanti al nipponico e a Rabat, dicendosj soddisfatto di aver riaperto un mondiale ancora guidato da Redding, oggi solo sesto.
Il gran finale è con la MotoGP, con il popolo romagnolo, italiano, ad invocare il miracolo di Valentino. Andrà diversamente: partenza razzo di Lorenzo e Pedrosa che si trovano a guidare il gruppone davanti a Marquez e Valentino. Un errore banale del leader mondiale porta il Dottore in terza, ma è un fuoco di paglia. A suon di giri veloci Marquez torna a mettere il muso davanti, prima di accendere Misano con il duello con Dani Pedrosa. Sorpassi al limite della spericolatezza, a braccetto con l'incoscenza, che incendiano il pubblico e fanno - cinicamente - il gioco di Jorge Lorenzo, che conduce in porto un Gran Premio vinto in partenza e conferma l'acuto dello scorso anno. Suona ancora, per la terza volta su tre, l'inno spagnolo. Il mondiale, si sapeva, è affar loro.

Luca Pelliccioni

Alex De Angelis e Pol Espargaro vincitore in Moto2





Jorgen Lorenzo e Dani Pedrosa




Segretario di Stato Teodoro Lonfernini