Logo San Marino RTV

E' morto Nicky Hayden

22 mag 2017
E' morto Nicky Hayden
Il pilota di Superbike Nicky Hayden, ricoverato da mercoledì scorso in terapia intensiva all'Ospedale Bufalini di Cesena, è deceduto oggi a causa del doppio trauma toracico e cranico riportato nell'impatto con un'auto mentre si allenava in bicicletta sulle strade di Misano Adriatico. Hayden aveva 35 anni e nel 2006 aveva conquistato il titolo iridato della Moto GP. 
Le speranze di un miracolo erano minime, ma la notizia della morte di Nicky Hayden in ospedale a Cesena ha comunque colpito nel profondo i tanti colleghi dello sfortunato pilota americano che dal giorno dell'incidente lo avevano al centro dei loro pensieri. Tante e sentite erano state le espressioni di solidarietà e sostegno per l'ex campione del mondo della MotoGp che rischiava la vita per un drammatico incidente mentre si allenava in bicicletta vicino a Misano Adriatico. Commozione e dolore sono stati espressi tra i primi dai piloti della Honda MotoGp, gli spagnoli Marc Marquez e Dani Pedrosa -'Sono sconvolto dalla notizia. Non ti dimenticheremo mai!", ha twittato il primo -, ma a loro si sono aggiunti presto tanti altri protagonisti e team del motomondiale e della Superbike, dove Hayden era attualmente impegnato. Da Jorge Lorenzo, a Max Biaggi, da Casey Stoner ad Andrea Iannone, Marco Melandri, tutti si sono uniti nel ricordo. Commozione anche da parte della Federazione motociclistica internazionale (Fim) e dalla Dorna, la società che gestisce gli interessi commerciali del Motomondiale, rende omaggio a Nicky Hayden. "Nominato da Dorna 'MotoGP Legend' per la sua lunga carriera, le sue indiscusse capacità di pilota e lo straordinario carattere - ricorda una nota - resterà uno dei motociclisti più popolari e amati. Mancherà al paddock ma anche ai suoi milioni di tifosi sparsi in tutto il mondo". Un ricordo commosso del campione Usa è venuto quasi in tempo reale alla notizia del decesso anche dal presidente del Coni, Giovanni Malagò: "Tristezza infinita. Onore al grande #Hayden protagonista del motociclismo. R.I.P.", ha twittato. Anche le società calcistiche Roma, Lazio e Milan hanno espresso la loro vicinanza ai familiari di Hayden.