Logo San Marino RTV

MotoGP, Aragon: il venerdì è di Lorenzo, Valentino in scia

25 set 2015
MotoGP, Aragon: il venerdì è di Lorenzo, Valentino in scia
MotoGP, Aragon: il venerdì è di Lorenzo, Valentino in scia
Ti aspetti Marquez, emerge Lorenzo: il maiorchino – a dispetto della botta al polso patita nella sfortunata e potenzialmente decisiva, anche per le sorti del mondiale, caduta di Misano – è tornato a vestire i panni del Martillo. Tempi sul giro impressionanti, se considerato che siamo solo al venerdì di un lungo weekend in cui la pressione in ottica mondiale è ingombrante più che mai.
Lo spagnolo ha rifilato sei decimi abbondanti al compagno di scuderia Valentino Rossi, il cui diktat è non perdere punti da Lorenzo o quantomeno francobollarsi alla sua coda. Sorprende l'involuzione di Marquez, tra i più veloci al mattino e capace di un misero 1'48''401 nella sessione pomeridiana, che lo colloca a circa 9 decimi dal connazionale su Yamaha ed alle spalle di Smith e Pedrosa. De Angelis se ne mette due alle spalle e anche questa – considerando il lavoro di sviluppo che sta portando avanti sull'Aprilia dello IodaRacing Team – è una buona notizia.
Tanto quanto il momento positivo di Enea Bastianini, che dopo aver dominato in lungo e in largo nel Gran Premio di casa, studia anche per la prima volta fuori dalla Romagna, fuori dallo Stivale: il suo venerdì dice che ha fatto meglio di tutti, anche se in 19 millesimi sono in tre. Non Kent, alla ricerca del miglior settaggio e a rischio di gara nulla anche questo fine settimana.
Sembra infine voler osservare da un posto privilegiato l'agone spagnolo tra Rins e Rabat, il francese Zarco, che aspetta solo l'aritmetica certezza del titolo e non apre il gas più di tanto. Tra gli iberici si infila Nakagami, mentre Corsi sogna un'altra gara a caccia del podio.

LP