Logo San Marino RTV

San Marino Rally: Bulacia vince, Andreucci squalificato

Finale incredibile: Bulacia e Campedelli chiudono con lo stesso tempo ma il pilota boliviano vince per la discriminante della prima speciale. Poi Andreucci, terzo all'arrivo, viene squalificato e sul podio ci va il sammarinese Daniele Ceccoli.

di Alessandro Ciacci
30 ago 2020

50 minuti, 11 secondi e 0 decimi. Dopo 9 prove speciali dell'edizione numero 48 del Rally di San Marino, Marco Wilkinson Bulacia e Simone Campedelli chiudono con lo stesso identico tempo. Una situazione più unica che rara, a questo punto si guarda chi ha vinto più speciali. Ma, anche qui, pareggio: una a testa, con il pilota boliviano che è riuscito a recuperare 6 secondi e mezzo a quello romagnoli nei quasi 5km della “Terra di San Marino 3”. Il regolamento, però, parla chiaro: chi ha fatto il miglior tempo nella prima prova cronometrata vince. E così Bulacia è davanti a Campedelli. “Marquito”, che non ha ancora compiuto 20 anni ed è già impegnato nel Mondiale Rally, si porta a casa la seconda prova del Campionato Italiano Rally Terra in modo rocambolesco ma meritato per la costanza. La Skoda Fabia del sudamericano sfreccia sugli sterrati di San Marino e dintorni, mettendosi dietro la Polo R5 dello stesso Campedelli.

E i colpi di scena non sono certamente finiti qui perchè l'11 volte campione italiano Paolo Andreucci, terzo assoluto a poco più di un secondo dai primi due, viene escluso dalla classifica per la non conformità tecnica segnalata sulla sua Citroen. In particolare il passaggio di aria nella flangia di aspirazione. Andreucci ha già fatto ricorso ma intanto sul podio c'è il portacolori sammarinese Daniele Ceccoli con la Hyundai. Il pilota di casa, tra i favoriti alla vigilia, ha chiuso a circa 35 secondi da Bulacia. Chi, invece, ha più di qualcosa da recriminare è il compagno di squadra di Ceccoli, Umberto Scandola, che vince 6 delle 9 speciali in programma ma un problema nella quarta ed un ritardo nel controllo orario lo hanno fatto scivolare in quinta piazza, poi diventata quarta per la squalifica di Andreucci.

Oltre al CIRT, il Rally di San Marino era valido anche per altre categorie. Nel CIR Junior trionfa Andrea Mazzocchi con la Ford Fiesta R2, nel Terra Storico vince Mauro Sipsz su Lancia Stratos e nel Cross Country il pilota ufficiale di casa Suzuki Italia Lorenzo Codecà. Campionato Italiano Rally Terra che tornerà protagonista a fine settembre con il Rally Adriatico, nel frattempo l'appuntamento del Titano passerà sicuramente alla storia.