Logo San Marino RTV

Test Motogp: Lorenzo subito davanti in Qatar

3 mar 2016
Lorenzo
Lorenzo
La prova generale del mondiale 2016 è in Qatar con l'ultima sessione di test prima dell'inizio vero e proprio della stagione. Il primo gran premio è in programma domenica 20 marzo proprio a Losail. In Qatar i piloti della MotoGP sono impegnati in tre giorni di test, iniziati ieri nel segno della Yahama di Jorge Lorenzo. Il campione del mondo in carica ha fatto registrare il miglior tempo nella prima giornata. Lo spagnolo ha fermato il cronometro sull'1'55"452, un risultato che permette a Lorenzo di eguagliare il suo miglior tempo dello scorso anno. Vola dunque Lorenzo, che rifila oltre quattro decimi a Valentini Rossi. Il pilota italiano è stato protagonista anche di una caduta dopo pochi giri. Nessun problema fisico per il Dottore, che poi ha ripreso i test accorciando il gap dal compagno di scuderia. Tutti i big della motogp hanno atteso il calare del sole per scendere in pista, la gara sarà in notturna, e quindi si è reso necessario testare al meglio le condizioni gara. Alle spalle di Lorenzo si è piazzato Maverick Vinales. Il pilota della Suzuki è stato la sorpresa in assoluto della prima giornata, tanto che per una parte della sessione è persino stato il migliore. Alla fine il ritardo da Lorenzo è di 428 millesimi. Terzo tempo per Valentino Rossi, in pista per 33 giri. Quarto Andrea Iannone. Il pilota della Ducati è stato quello che ha passato più tempo in pista, in totale 53 giri. Più indietro l'altra Ducati, di Andrea Dovizioso. Tra le sorprese in negativo della giornata, Mark Marquez, solo decimo con un ritardo di oltre un secondo dal leader di giornata. Non va meglio all'altra Honda. Dani Pedrosa è 13'.
I test si chiuderanno domani. Intanto piccola curiosità regolamentare. La Fim ha modificato la regola che nella passata stagione aveva costretto Valentino Rossi a partire dall'ultima fila nel GP di Valencia. La Federazione Internazionale ha stabilito che non sarà più applicata la partenza dalla in fondo allo schieramento o dalla pit-lane nella gara successiva, al raggiungimento rispettivamente di 4 e 7 punti. Resta invariata la norma che prevede la squalifica dal gran premio successivo in caso di 10 punti di penalità.

Elia Gorini