Logo San Marino RTV

Record del mondo: la Legnante non supera se stessa

16 lug 2013
Record del mondo: la Legnante non supera se stessa
Non ce l'ha fatta a superare il record del mondo, che già le appartiene, ma è stata comunque la più applaudita della riunione di atletica ospitata, come da tradizione, al campo scuola Bracciolani di Ascoli. Assunta Legnante, che prima la società Asa e poi la città di Ascoli hanno adottato (è nata a Napoli) eleggendola ad emblema dello sport e della perseveranza. E' stata infatti campionessa di livello internazionale prima, e lo è ancora oggi dopo che una malattia da qualche anno l'ha purtroppo resa non vedente. Si è rinnovata così la tradizione di «Ascoli Meeting» organizzata dal Centro Marcia Solestà dell'infaticabile Vincenzo Ferretti. Assegnati come da programma il 24° «Memorial Iannetti» e la 20esima «Coppa Sant'Emidio». Il primo (classifica a punti femminile) va alla Tecno Adriatletica Marche davanti a Sport Atletica Fermo e Atletica Libertas Città di Castello. La seconda (maschile) alla Nuova Atletica Lanciano (2° posto Asa Asc oli, 3° Aden Exprivia Molfetta). I migliori risultati come al solito arrivano dai lanci. Nel getto del peso femminile vince infatti proprio la campionessa paralimpica di Londra 2012 Assunta Legnante che difende i colori del sodalizio campano dell'Enterprise Sport&Service, con la misura di metri 16,43. Il record resta il 16,74 toccato oltremanica nell'estate 2012. L'atleta 35enne è tornata a gareggiare proprio l'anno scorso dopo la perdita della vista, conquistando l'oro a Londra per riprendere il filo di una carriera di primo piano, culminata con il successo agli Europei indoor del 2007. Nel meeting per lei anche un 33,41 nel disco che le è valso l'8° posto assoluto, mentre il secondo posto nel peso va alla riminese Julaika Nicoletti (Forestale) con 16,25. Sulla pedana del disco, si impone la reatina Valentina Aniballi (Esercito) che ottiene una miglior misura di 56,14 davanti alla promessa Valentina D'Urzo (Studentesca CaRiRi), 49,33, e la toscana Elisa Palmieri (Esercito) si a ggiudica il martello con 61,46. Al maschile in grande evidenza il ventenne Joel Enrico Giorgi (Asa Ascoli) che migliora due volte il record personale: 59,12 al 2° turno e 59,82 nel 4° incrementando di oltre un metro il suo precedente limite (4° ai tricolori di Rieti) e precedendo lo junior Emanuele Salvucci (Avis Macerata-54,29). Nel disco si impone Marco Zitelli (Aeronautica) con 54,28 davanti all'ascolano Nazzareno Di Marco (Fiamme Oro-51,94). Nel martello prevale il carabiniere Massimo Marussi con 62,77. Progressi nel lungo per lo junior osimano Manuel Nemo (Tam) che salta 6,74. Sui 100 vince Ilaria Giretti (Saf) davanti a Annalisa Torquati (Tam). Diverse anche le gare del settore promozionale. Sui 1000 under 16 il pugliese Vincenzo Grieco supera i marchigiani Simone Barontini (Stamura Ancona) e Riccardo Rocchi (Avis Mc) entrambi al personal best. Debora Baldinelli (Osimo) ritocca il suo miglior risultato sempre nei 1000. Nel giavellotto cadetti, infine, 53,91 per Simone Comin i dell' Asa Ascoli.