Logo San Marino RTV

Ufficialmente aperte le Universiadi: Pasolini portabandiera

4 lug 2019
Ufficialmente aperte le Universiadi: Pasolini portabandiera

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ufficialmente dichiarato aperte le Universiadi di Napoli 2019. "E' con la consapevolezza che questo grande evento sportivo - ha detto il Capo dello Stato accolto dagli applausi del San Paolo - contribuirà a rafforzare i legami tra i Paesi nel mondo che dichiaro aperta la trentesima edizione delle Universiadi".

Presente la delegazione di San Marino guidata dai capi missione William Forcellini e Claudio Muccioli, ricevuti proprio nei giorni scorsi dai Capitani Reggenti. La squadra del Titano è composta da 18 persone, dei quali 10 atleti impegnati in 5 discipline: nuoto, atletica, ginnastica ritmica, taekwondo e tiro con l'arco. Il portabandiera nella cerimonia d'apertura è stato il nuotatore Gian Luca Pasolini.

Una cerimonia piena di luci, miti, leggende e tradizioni ma anche lo sguardo al futuro fatto di accoglienza e integrazione: in attesa dell'accensione del tripode raffigurato dalla riproduzione del Vesuvio con un calcio ad una simbolica palla di fuoco del capitano del Napoli, Lorenzo Insigne, si è aperta la 30/a edizione che vedrà Napoli e la Campania protagoniste dello sport universitario mondiale fino al 14 luglio. Suggestiva la cerimonia di apertura, affidata a Marco Balich (con la regia di Lida Castelli), il "cerimoniere delle Olimpiadi" con un omaggio alla città, alla sua storia, dalla nascita della sirena Partenope (mascotte delle Universiadi e interpretata dalla apneista Maria Felicia Carraturo e circa 1500 performer), all'ingresso di Bebe Vio (in abito da sera rosso firmato Armani) con il Tricolore consegnato ai Corazzieri, fino al riferimento calcistico, grande passione della città (con tanto di ovazione a Maradona al momento della sfilata dell'Argentina).

Lo stadio San Paolo - profondamente rinnovato per la manifestazione - che si trasforma in un grande golfo a forma di "U" che abbraccia gi atleti ed il Vesuvio, l'acqua e il fuoco, 40 migranti a portare i cartelli col nome dei Paesi partecipanti. La lunga sfilata, l'ovazione per la delegazione italiana sulle note di "Gloria" di Umberto Tozzi, l'applauso per l'avvenente atleta del Regno di Eswatini, a lungo immortalata sui maxischermi (nuovi di zecca) e già eletta dal pubblico del San Paolo miss Universiade, i fischi alla delegazione francese.