Logo San Marino RTV

Il Novara vince a Siena e passa: Cacia sigla l'1-0

L'ex bomber da cadetteria firma il primo colpaccio dei playoff: eliminati i bianconeri.

di Riccardo Marchetti
12 mag 2019
Il Novara vince a Siena e passa: Cacia sigla l'1-0
Il Novara vince a Siena e passa: Cacia sigla l'1-0

Prime partite dei playoff di C e anche primo ribaltone, firmato all'Artemio Franchi da un vecchio pirata della cadetteria. Segna Cacia e il Novara passa 1-0 a Siena, incappato nell'unico risultato da evitare. Il peggior piazzamento in campionato infatti obbligava i piemontesi alla vittoria -tra l'altro nei regolamentari - così è spinta ospite fin dalle prime battute.

E già dopo 100” ecco che Contini s'incarta sulla punizioncina di Ronaldo, Bove è sul bagher ma non ha i giusti tempi di reazione. Stessa cosa per Bastoni, che quando Visconti scappa a Gerli e crossa manca il pallone a un passo dalla porta, con D'Ambrosio a spazzare. Il gemello del difensore dell'Inter si propone anche davanti, dove sull'angolo di Arrigoni si libera di Visconti – con probabile fallo – e inzucca altissimo. Intanto Ronaldo si immedesima nell'omonimo, parte da metà campo sverniciando Arrigoni, arriva al limite e calcia. L'ultima cosa non esce benissimo e la deviazione in fuorigioco di Cacia, tutto sommato, non gli toglie nulla. In avvio di ripresa, Gliozzi riceve in area da Arrigoni e va col destro, Di Gregorio è pronto e respinge.

Intanto il Novara affida le sue speranze alle sortite di Visconti. Il terzino s'avventa su un pallone impennato, Bianchi completa l'opera ma manda sul fondo. Al giro dopo invece il suo traversone dello stesso Visconti è reso assist da Cacia, che sovrasta Imperiale nello stacco e incorna radente al palo. Contini vola a vuoto e nulla può, così come nulla possono – o meglio riescono – i suoi compagni. Nel quarto d'ora che resta il Siena trova solo la quasi maradonata di Cristiani, che al 94° prova a segnare di mano sull'invito a giro di Guberti e si becca un giallo incontestabile. Poi l'uscita sicura – e non fuori area, come chiedono i toscani – di Di Gregorio, arrivata al 96° ad anticipare il triplice fischio che sancisce il colpo qualificazione.