Logo San Marino RTV

Carisp: l'Istituto risponde agli attacchi

28 mar 2017
Carisp
Carisp
La giornata al cardiopalma che ieri ha investito Cassa di Risparmio, si è chiusa con una nota dello stesso istituto di credito che ha voluto puntualizzare, smentendole nei fatti, le notizie riportate dal Corriere della sera. Questo, premette la banca, a tutela di Cassa di Risparmio stessa, della propria Clientela, dei propri Dipendenti e dei propri Azionisti. La politica dei prezzi applicati agli impieghi, premette la nota rispondendo alla prime accuse, tiene conto del profilo di rischio del cliente affidato e delle garanzie acquisite. L’adesione all’Accordo 182 bis - conseguente all’Amministrazione Straordinaria del Gruppo Delta - ha costretto alla rinuncia ad interessi attivi da parte della Cassa nei confronti delle società del Gruppo. Per questo motivo, il margine di interesse della Cassa ha subìto una forte riduzione nel periodo immediatamente successivo alla conclusione del Commissariamento di Delta ed è tornato positivo fin dall’ottobre 2015 in virtù - sottolinea la nota - del reimpiego fruttifero dei rimborsi che la Cassa ha ricevuto da parte delle società del Gruppo Delta. Segno evidente, puntualizza, che politiche di prezzo su impieghi e su raccolta sono state seguite con particolare attenzione. Per quanto riguarda la necessità di patrimonializzazione, dovuta sempre e soprattutto al Commissariamento del Gruppo Delta avvenuto nel 2009, questa è stata assicurata da operazioni svolte dai propri Azionisti mediante due aumenti di capitale, la sottoscrizione di prestiti obbligazionari subordinati e la fusione per incorporazione di Silo Molino Forno S.p.a. Tutte le operazioni sono state eseguite tra il 2012 e il 2016, seguendo la normativa vigente e avvalendosi di professionisti – periti ed esperti contabili – sammarinesi ed italiani. Non corrispondono alla realtà le notizie relative alla distribuzione di contante agli sportelli della Cassa per gli ammontari indicati. Infine, conclude la nota, la percentuale di copertura degli NPL é notevolmente superiore a quella indicata dal Corriere della sera