Logo San Marino RTV

Nel 2004 le pensioni costeranno 70 milioni di euro

26 nov 2003
Nel 2004 le pensioni costeranno 70 milioni di euro
Si prevede che nel 2004 la spesa per le pensioni ordinarie supererà i 70 milioni di euro, di cui 56 milioni a favore di ex dipendenti; 5.796 a favore di ex artigiani; 7 milioni e 436 mila per gli ex commercianti e 2 milioni 576 mila euro per gli ex agricoltori. Il trend di crescita è in linea con quanto accaduto dal 1998 al 2002 periodo nel quale la spesa pensionistica è lievitata del 48,64%. Nel 1998, quando le pensioni ordinarie erano 4199, la spesa era di 38.838.459 euro; nel 2002 ha raggiunto quota 57.729.306 euro e le pensioni ordinarie sono diventate 5119. Scende inoltre progressivamente anche il rapporto tra occupati e pensionati. Nel 2001 era di 4,05 a 1, nel 2002 si è ridotto fino a 3,90, il minimo storico dell’ultimo decennio. I fondi pensione più in salute sono quelli dei lavoratori dipendenti che nel 2002 sono aumentati di oltre 3 milioni di euro, andando a consolidare così l’accantonamento complessivo che supera i 125milioni di euro. Anche il fondo pensioni degli imprenditori, con un accantonamento di oltre 102 milioni di euro è in buona salute. Segno più inoltre per i fondi dei liberi professionisti e degli agenti rappresentanti. In negativo invece i fondi pensione dei commercianti e – sia pure in misura molto meno preoccupante – i fondi pensione degli artigiani.