Logo San Marino RTV

Manifestazioni in Repubblica: iter autorizzativo semplificato e apertura all'ospitalità dei buskers

8 ago 2017
Manifestazioni in Repubblica: iter autorizzativo semplificato e apertura all'ospitalità dei buskers
Manifestazioni in Repubblica: iter autorizzativo semplificato e apertura all'ospitalità dei buskers - Ecco cosa cambia con il nuovo regolamento per lo svolgimento delle manifestazioni nella Repubblica d...
Tempi più celeri e maggiore snellezza burocratica caratterizzano il nuovo regolamento per lo svolgimento delle manifestazioni in territorio sammarinese.
Ieri il via libera del Congresso di Stato al testo promosso in particolare da Civico 10, a breve l'entrata in vigore, con la promulgazione da parte della Reggenza nel giro di pochi giorni, e la successiva pubblicazione nel bollettino ufficiale.
Primo elemento di novità: il taglio alle pratiche da espletare e la riduzione dei costi per chi organizza eventi di vario tipo. Non sono infatti necessarie autorizzazioni preventive; non ci si dovrà più recare all'Ufficio Tributario o alla Siae; abrogata nell'assestamento di bilancio la tassa sui pubblici spettacoli. I promotori di manifestazioni a titolo gratuito d'ora in poi dovranno darne avviso direttamente al Reparto Comando della Gendarmeria (salta, dunque, il passaggio in Brigata) anche tramite posta elettronica, e per ragioni di ordine pubblico, almeno tre giorni prima della data prevista per lo svolgimento della manifestazione.
Per le manifestazioni a pagamento si dovrà invece compilare e consegnare oppure inviare via mail almeno 20 giorni prima della data dell’evento, l'apposito modulo predisposto sempre dal Reparto Comando della Gendarmeria. Entro 15 giorni dalla richiesta i militari comunicheranno l’eventuale diniego allo svolgimento della manifestazione motivandone le ragioni, oppure la autorizzeranno. Va da sé che chi non rispetterà le disposizioni previste dalla legge sarà passibile di sanzioni pecuniarie.
Con il nuovo regolamento inoltre i buskers sono i benvenuti in Repubblica.
Nel video l'intervista a Matteo Ciacci, capogruppo Civico 10.