Logo San Marino RTV

Cons: festeggiati 60 anni di storia. Atleta dell'Anno il lottatore Myles Amine Mularoni

Serata di gala al Kursaal di San Marino dove il Comitato Olimpico sammarinese ha festeggiato 60 anni di storia, alla presenza dei massimi esponenti dello sport sammarinese e di tanti campioni di ieri e di oggi.

15 dic 2019

I Capitani Reggenti Luca Boschi e Mariella Mularoni con la loro presenza hanno impreziosito un “parterre de rois” di primissimo piano per una serata di gala riuscita in tutti i suoi aspetti. C'erano tanti campioni di ieri e di oggi che non potevano mancare alle celebrazioni per i 60 anni del Comitato Olimpico sammarinese. Una voce straordinaria come quella del soprano Monica Sarti che ha intonato l'inno sammarinese, start della doppia serata celebrativa. Doppia, perché oltre ai festeggiamenti per il sessantennale, conteneva anche Sport Awards che di solito si tiene a gennaio, l'idea di comprimere è stata molto apprezzata dagli invitati. A questo va aggiunta un'altra grande intuizione: ospite d'onore il campionissimo, degno della Hall Of Fame dello sport mondiale Gregorio Paltrinieri. Quasi inutile sottolineare un palmares, che per stringere, conta 13 ori tra Olimpiadi, Mondiali ed Europei. Portarlo sul Titano quando solo un paio d'ore prima ha ottenuto il pass per Tokyo agli assoluti di Riccione, è stato davvero un grosso colpo, se vogliamo anche di fortuna, ma neanche tanto, quando si parla di un campionissimo di questo livello. Gregorio Paltrinieri ospite d'onore al quale è toccato il compito di annunciare il nome dell'Atleta dell'Anno e lo ha fatto insieme ad un altro grande atleta italiano come Gimbo Tamberi, ospite a sorpresa della serata.

Myles Amine Mularoni grazie alla conquista del bronzo ai Giochi Olimpici Europei e alla qualificazione disciplina Lotta ai Giochi di Tokyo 2020 batte una forte concorrenza e vince l'ambito premio. Celebrazioni aperte dal Presidente del Cons Gian Primo Giardi, e a quelli dei super ospiti come Spyros Capralos, membro del CIO e dell’Esecutivo COE, Amar Addadi, Presidente del Comitato Internazionale dei Giochi del Mediterraneo, e gli amici dei Piccoli Stati: dai Presidenti dei Comitati Olimpici maltese e montenegrino, Julian Pace Bonello e Dušan Simonović e del segretario generale del Comitato Olimpico andorrano, Tony Guerra. Premi ai 16 medagliati dei Giochi dei Piccoli Stati in Montenegro, dei Giochi Europei di Minsk e dei Mediterranean Beach Games di Patrasso.

Riconoscimenti a quegli atleti che hanno portato alto il nome di San Marino nel mondo, compresa la numerosa delegazione di Special Olympics San Marino impegnata quest’anno ai World Games di Doha. Applausi scroscianti per i sammarinesi Campioni del Mondo veterani di Pesca Sportiva. C’è stata poi la consegna delle medaglie al merito sportivo, partendo dal bronzo per arrivare all’oro, e della Fiamma d’Oro all’ex presidente Libero Barulli e all’ex segretario generale Giuseppina Tamagnini per l’impegno profuso per la crescita del movimento sportivo sammarinese. A tutti i presenti è stato distribuito il Libro “60 anni di Passione”. Una pubblicazione di 288 pagine scritto dai giovani sammarinesi Giacomo Scarponi e Simon Pietro Tura con il coordinamento del responsabile della comunicazione del Comitato Olimpico Massimo Boccucci e la collaborazione della giornalista Elisa Gianessi. Un libro che ripercorre i 60 anni del Cons con particolare attenzione all'ultima decade. Serata condotta da Palmiro Faetanini e Marina Presello di Sky e conclusa da Desire Capaldo sulle note di Con Te Partirò di Andrea Bocelli.

Nel video l'intervista a Gregorio Paltrinieri