Logo San Marino RTV

Dibattito sull'economia sammarinese

22 nov 2003
Dibattito sull'economia sammarinese
Non sono di buon umore e nulla fanno per nasconderlo. Invitati da Alleanza Nazionale, i rappresentanti degli imprenditori, dei commercianti e dei commercialisti hanno riflettuto a 360 gradi su economia e sviluppo. Ogni settore toccato, notano, nasconde qualche pecca, e l’instabilità politica non aiuta, anzi complica. Il presidente di Alleanza Nazionale Vittorio Pellandra ha parlato di sottovalutazione dei problemi, in passato, che ha impedito interventi strutturali lungimiranti. Analisi condivisa da Marco Arzilli, presidente dei commercianti, che ha definito la sua categoria vittima di una mancanza di progettualità a lungo termine. Arzilli si è soffermato sulle iniziative della sua Unione: a breve ha annunciato un progetto di legge che dia strumenti ed agevolazioni ai giovani commercianti, e l’istituzione di una Convention Bureau tra le associazioni di categoria, il cui primo obiettivo sarà riprendersi il Palazzo dei Congressi. “Nulla di più sbagliato e deleterio – ha notato il presidente dell’Agenzia per lo sviluppo e la promozione dell’economia Enzo Mularoni – che aumentare la leva fiscale, per un Paese che vuole creare ricchezza. E sui centri commerciali non condivido le paure dei commercianti: il futuro è nella grande distribuzione, non potete rifiutarlo”. “Un imprenditore, oggi, non ha alcun vantaggio a San Marino – ha notato Franco Capicchioni – qui rimarranno solo gli imprenditori di origine sammarinese, che in ogni caso saranno costretti ad investire oltre confine”. Secondo Giancarlo Ghironzi, già segretario alle Finanze, nessun progetto di sviluppo ha grandi chance di successo senza la stabilità politica “ma attenti – ha avvisato – a scardinare le istituzioni che hanno resistito per secoli”. Grandi critiche alle ultime due finanziarie sono arrivate dal commercialista Marino Albani “a mio giudizio – ha detto – non sanno più come far quadrare i conti, ed abbiamo assistito ad una guerra di cifre su bilancio e deficit. Impossibile andare avanti così, con questa poca chiarezza”. Alleanza Nazionale promuoverà a breve altri incontri, e il prossimo sarà focalizzato sulle istituzioni.