Logo San Marino RTV

Consiglio giudiziario: il comunicato stampa

2 giu 2016
Consiglio giudiziario: il comunicato stampa
Alle 14.00 si è riunito, oggi, a Palazzo Pubblico il Consiglio Giudiziario in seduta plenaria, l’organo istituzionale composto dal Segretario di Stato per la Giustizia, Gian Carlo Venturini, dal Magistrato Dirigente del Tribunale, Valeria Pierfelici, e altri membri togati nonché dai membri della Commissione Consiliare per gli Affari di Giustizia unitamente al Presidente della stessa, Valeria Ciavatta. Un ordine del giorno importante quello che ha visto impegnato l’organo cui è riconosciuta una funzione di rappresentanza e garanzia dell’ordine giudiziario. Sono state esaminate le candidature pervenute in relazione agli avvisi pubblici di vacanza, pubblicati lo scorso gennaio, per il reclutamento di un giudice di appello nonché per la nomina di un giudice per i rimedi straordinari con competenza civile e la copertura di quattro posti di giudice per la responsabilità civile (un titolare e un supplente per il grado di appello ed un titolare e un supplente per la terza istanza). Valutate le domande pervenute, sono stati nominati quale Giudice di appello (Legge Qualificata 22 dicembre 2015 n. 3) il Prof. Luca Barchiesi, Avvocato e Professore ordinario di Diritto Privato presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Macerata e Direttore della Scuola di Specializzazione per le professioni legali delle Università di Camerino e Macerata, quale Giudice per i rimedi straordinari in materia civile il Prof. Ferdinando Treggiari- Avvocato e Professore Ordinario di Storia del diritto medievale e moderno nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Perugia. Si è, così, ulteriormente consolidato l’assetto ordinamentale relativo al settore giudiziario con esperti dall’alto e qualificato profilo professionale. Il Consiglio Giudiziario ha inoltre affrontato alcune questioni attinenti la divulgazione di versioni di parte sui processi in corso. A tal riguardo ha adottato raccomandazioni indirizzate agli organi competenti ed in primis alla Autorità Garante per l’Informazione, per la diffusione di notizie complete e veritiere sull’andamento dei procedimenti e sulle risultanze processuali e per il pieno rispetto del diritto dell’opinione pubblica ad una informazione quanto più obiettiva e corretta. Con particolare riferimento ad alcuni articoli pubblicati dai media riguardanti piccole parti delle deposizioni degli organi ausiliari del giudice nella fase inquirente, sulla base dei riferimenti ricevuti, il Consiglio Giudiziario ha espresso piena considerazione per il ruolo che gli stessi hanno svolto e svolgono nei processi.
Il Consiglio Giudiziario ha infine affrontato questioni attinenti la tutela della dignità e reputazione degli organi istituzionali tutti, evidenziando come il diritto alla libera opinione non possa prevaricare il diritto al rispetto e all’onorabilità di coloro che ricoprono ruoli istituzionali