Logo San Marino RTV

Rifiuti: la maggioranza ha tracciato la fotografia della situazione

7 ago 2020
Rifiuti: la maggioranza ha tracciato la fotografia della situazione

Dopo aver visionato l’audit prodotto da AASS si è potuta tracciare la fotografia di quella che è l’attuale situazione dei rifiuti in Repubblica e della loro gestione. Emerge che ci sono criticità rispetto a due fattori: le utenze non domestiche e il rifiuto organico. Si produce un quantitativo di rifiuto organico importante che attualmente viene assimilato al rifiuto solido urbano e mandato all’inceneritore per una spesa di quasi 1.000.000€ all’anno. Questo tipo di rifiuto, trattato separatamente e gestito internamente al territorio, riduce notevolmente il rifiuto che quindi non mandiamo più a bruciare e ci permette di raggiungere entro la fine dell'anno il 70% di raccolta differenziata adempiendo così agli impegni presi anche con l’Emilia Romagna. Le somme risparmiate ci consentiranno di completare un centro unico di compostaggio per creare un compost di qualità che potrebbe essere venduto o utilizzato per il verde pubblico e l’agricoltura e ci farebbe risparmiare altri 600.000€ oggi destinati alle aziende private per la gestione del compost domestico. Un problema a cui serve dare soluzione immediata. Per questo si è proposto che AASS si attivi per intercettare l’organico in maniera mirata attraverso cassonetti intelligenti, per un costo di 195.000. Ciò avverrà solo nei castelli non serviti dal PAP (Serravalle, Domagnano, Borgo Maggiore) e non su tutto il territorio come in maniera errata viene indicato dalle opposizioni. Allo stesso modo, rispetto alle utenze cosiddette ”non domestiche” che per legge dovrebbero stipulare contratti appositi con AASS o rivolgendosi a ditte specializzate pagando per lo smaltimento dei propri rifiuti, risulta che ci sono molte utenze “non domestiche” (imprese, attività, negozi etc) che non hanno un convenzionamento con AASS. Si è dunque deciso di attivarsi tempestivamente per migliorare il servizio alle aziende, diminuendo il quantitativo conferito all’Italia e conseguentemente riducendo la spesa che lo Stato paga per lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati prodotti in territorio. Nonostante l' opposizione abbia ammesso in commissione di non aver gestito in maniera adeguata durante la passata legislatura questa tematica, non si è giunti alla condivisione unanime dell’odg sottoscritto in conclusione di dibattito che punta a dirimere i problemi che possono essere risolti sin da subito. Nel frattempo sono indispensabili ulteriori approfondimenti per vagliare al meglio i costi, la fattibilità e la sostenibilità della scelta che si andrà a fare con l’unico scopo che è quello di raggiungere gli obiettivi imprescindibili di riduzione dei rifiuti, maggiore differenziazione (e quindi minori costi), l’attivazione della tariffa puntuale che incentivi comportamenti virtuosi, facendo tornare in capo ad AASS la gestione dei rifiuti come servizio alla cittadinanza, anche per evitare che AASS sia smantellata privatizzando i settori pezzo per pezzo come successo in questi ultimi anni. Gli errori fatti nella gestione dei rifiuti da chi continua a parlare per slogan hanno creato ulteriori problemi che oggi dobbiamo risolvere, e non si può più attendere. Noi gli impegni vogliamo rispettarli.

Movimento RETE Partito Democratico Cristiano Sammarinese DOMANI - Motus Liberi Noi Per la Repubblica