Logo San Marino RTV

Via alla nuova edizione dei corsi sul diritto dei trust dell'Università di San Marino

Il responsabile scientifico: “Effetti positivi, costituite tre società da iscritti che hanno seguito il programma nel 2018”

5 set 2019
Via alla nuova edizione dei corsi sul diritto dei trust  dell'Università di San Marino

La fiscalità del trust in Italia e sul Titano, l’adeguata verifica e i poteri fiduciari sono fra i temi che verranno approfonditi durante la seconda edizione dei “Corsi sul diritto dei trust a San Marino”, al via martedì 10 settembre per abilitare all’esercizio della professione di trustee in repubblica o per l’iscrizione al Registro dei Trustee e dei Guardiani professionali dell’Associazione “Il trust in Italia”. Organizzata dall'Università degli Studi della Repubblica di San Marino e in programma nella sede del World Trade Center di Dogana, l’iniziativa analizzerà le dinamiche presenti nel momento in cui beni e diritti vengono affidati a un trustee per essere amministrati e coinvolgerà gli iscritti per un totale di 24 ore di lezione alle quali si aggiungerà una giornata di approfondimento extra dedicata alla professione di trustee in Italia. Il 16 settembre inizierà inoltre un percorso di aggiornamento rivolto ai professionisti già attivi nel settore, in programma nella Sala Montelupo di Domagnano con focus su ambiti come trust e blockchain, le problematiche dell’agente residente, il voting trust nell’ordinamento italiano. Responsabile scientifico di entrambi i programmi è il docente di Sistemi Giuridici Comparati Maurizio Lupoi, pronto a rispondere a tre domande che aiutano a capire meglio i contenuti, il significato e le prospettive offerti a chi frequenta i corsi. Professore, quale il bilancio dell’edizione passata? Sicuramente buono, oltre all’interesse mostrato e al soddisfacente numero degli iscritti sono emersi effetti positivi come la creazione di tre nuove società nate appositamente per svolgere la professione di trustee a San Marino. Per il 2019 ci sono novità? Certamente, abbiamo per esempio inserito temi di grande attualità nel percorso di aggiornamento, come un approfondimento sulla blockchain. Proprio questo corso, quest’anno, ospita alcuni degli iscritti che nel 2018 hanno frequentato il programma rivolto all’abilitazione, per cui la partecipazione è salita. Quali le prospettive per chi si abilita per esercitare la professione di trustee sul Titano? Ci si attende un incremento nel numero dei trust come conseguenza di recenti interventi normativi, è sicuramente una realtà destinata a crescere.

c.s. Unirsm