Logo San Marino RTV

Irene Pivetti e le due indagini che lambiscono San Marino

Domani sarà sentita dal Pm Tarzia che le contesta il reato di riciclaggio. È indagata anche per l'importazione di mascherine dalla Cina

11 giu 2020
Irene Pivetti
Irene Pivetti

C'è un'altra indagine italiana, oltre a quella sulle mascherine, che riguarda Irene Pivetti e lambisce San Marino. Questa volta il reato ipotizzato è il riciclaggio.

L'ipotesi investigativa della Procura di Milano è che attraverso una sua società sammarinese il pilota imprenditore Leonardo Isolani abbia venduto, ad una società di Hong Kong riferibile ad Irene Pivetti, tutti i beni di un'altra sua società – comprese tre Ferrari – per riciclare i proventi di una maxi evasione fiscale. Il gruppo Only di Irene Pivetti - di cui fa parte la sammarinese Only Italia Club - avrebbe avuto anche un ruolo di intermediazione. I fatti risalgono al 2016, anno in cui in luglio, venne attivata la società della ex presidente della camera, con sede al Wtc di Dogana. Per questa vicenda Irene Pivetti è indagata insieme ad altre cinque persone e domani verrà interrogata dal Pm milanese Giovanni Tarzia che avrebbe già inoltrato, nel frattempo, rogatorie in diversi paesi. La ex parlamentare della Lega si dichiara molto serena e contenta che ci sia molto presto l'opportunità di chiarire bene tutto.

L'altra indagine che la riguarda e che lambisce San Marino è invece sull'importazione dalla Cina di una maxi fornitura di mascherine ritenute dagli inquirenti non conformi. La stessa Pivetti ha dichiarato in una intervista a “Report” di Rai 3 che per il 90% delle sue operazioni ha usato la società sammarinese . Anche su questa vicenda la ex Presidente della Camera si è dichiarata pronta a chiarire tutto, respingendo le accuse.