Logo San Marino RTV

Troppa Sassari per la VL Pesaro: 99-79

Per lasciare quota zero non basta una prestazione super di Mussini.

di Riccardo Marchetti
30 set 2019

Non è certo nella trasferta di Sassari che la VL Pesaro s'aspetta di trovare i primi punti del suo campionato e come da copione in Sardegna i giochi durano appena un quarto d'ora. Il finale è 99-79 per la Dinamo che si mantiene a punteggio pieno doppiando gli ospiti nel parziale del secondo quarto e amministrando senza patemi la ripresa.

Già l'avvio promette una mattanza, con le triple di Spissu ed Evans a fare subito 11-2. Invece Sassari si fa macchinosa, tanto che a fine frazione ci sono ben 6 palle perse. Così la VL – che viceversa ne butta via solo una nell'ultimo possesso – risponde con uno 0-9 e la impatta, trovando pure la tripla del +3 di Miaschi. E al rientro Pesaro continua il tiraemolla grazie a Mussini, l'unico dei suoi in evidenza grazie a un partitone da 27 punti, con 5/7 dall'arco. 9 quelli segnati in avvio di secondo quarto dal play reggiano, 7 dei quali – considerando anche un libero aggiuntivo – arrivano proprio dal tiro da fuori. È lui a siglare, al 13°, l'ultimo vantaggio VL, con Sassari a replicare e tentare l'allungo con McLean e Jerrells. Lo scatto decisivo però arriva con gli ultimi 4' del periodo, nei quali Gentile suona la carica e guida i suoi nel 15-2 del +16.

Ora è Pesaro a sbagliare tanti passaggi e a rimbalzo – 42-23 il computo finale – partita non ce n'è. Nel terzo dominano Vitali – che qui segna tutti i suoi 11 punti – ed Evans, nel quarto invece è ancora Gentile a tenere dritta la barra per Sassari, che non rischia più e al 37° tocca il +27. Evans fa faville con 20 punti e 9 rimbalzi, poi ci sono i 10+9 rimbalzi di Pierre e i 27 combinati da Gentile e McLean, dominante sotto canestro soprattutto in avvio. Pesaro incassa e ringrazia il turno di riposo, prezioso per recuperare gli infortunati Eboua e Pusica. Anche perché a singoli, tolti l'ottimo Mussini e il comunque positivo Totè, il piatto piange: rispetto alla Fortitudo stecca Barfod, 2/16 dal campo e soprattutto 0/9 da due.