Logo San Marino RTV

Adesso.sm: "Incontro positivo fra maggioranza e CSU"

10 giu 2018
Adesso.sm: "Incontro positivo fra maggioranza e CSU"
Nella mattinata di venerdì 8 giugno una delegazione della coalizione di maggioranza Adesso.sm ha incontrato la Centrale Sindacale Unitaria. L’incontro è stato richiesto dalla maggioranza che desidera rilanciare un dialogo assiduo e costruttivo con tutte le forze sociali come preciso metodo di azione nel perseguimento degli obiettivi e nella ricerca delle soluzioni di sistema alle grandi sfide che il Paese si accinge ad affrontare.
Per le medesime ragioni, fin dalle prossime ore, la maggioranza chiederà di incontrare l’Unione Sammarinese dei Lavoratori (U.S.L.) e le singole organizzazioni di categoria.
La maggioranza valuta positivamente il lungo e articolato incontro con la C.S.U. che non essendosi potuto esaurire nelle quasi tre ore di dibattito verrà ripreso nella prima data utile.
La maggioranza ha riconosciuto alla C.S.U. il clima civile nel quale si è svolto lo sciopero generale indetto il 30 maggio, nel corso del quale tanti lavoratori hanno manifestato il loro disagio e il loro dissenso.
Se, da un lato, non vogliamo certamente nascondere che su alcuni punti affrontati permane una differenza di valutazioni, è altrettanto vero che la maggioranza condivide, in gran parte, le premesse da cui la CSU parte che sono state riportate nel suo recente comunicato. La maggioranza concorda altresì sulla necessità di condividere il maggior numero di informazioni possibili – tra quelle che sono nella disponibilità della maggioranza – per dare a tutti gli attori sociali e politici la possibilità di costruire il quadro d’insieme da cui partiamo e che ci porta a dire che una serie di riforme sostanziali, per il bene di tutti, non sono più rinviabili. Informazioni che devono necessariamente comprendere il debito pubblico contratto negli anni passati, i dati aggiornati del bilancio pubblico e lo stato del sistema bancario e finanziario con particolare riferimento al bilancio della banca di proprietà pubblica.
La maggioranza ha certamente apprezzato la franchezza con la quale gli interlocutori hanno chiesto chiarimenti sull’utilizzo delle risorse FONDISS alla luce delle recenti vicende giudiziarie, confermiamo la nostra volontà nel non sottrarci al confronto su questo aspetto e nel pretendere la massima chiarezza pur rappresentando le rassicurazioni giunte – in merito alla consistenza dei fondi - dalla Banca Centrale e dallo stesso comitato amministratore di FONDISS.
La maggioranza farà la sua parte affinché la richiesta rivolta al Governo di “un confronto generale che faccia da cabina di regia alle riforme” non cada nel vuoto, in modo tale che tutti gli attori prendano coscienza dell'irrinunciabilità di un confronto preventivo e reale che sia propedeutico ai provvedimenti, soprattutto quelli che avranno un impatto sociale. Smentendo con i fatti le accuse di autoreferenzialità che da più parti viene mossa all’Esecutivo.
Rinnoviamo infine, la volontà di proseguire nel dibattito al quale si è dato inizio prendendo atto che ha toccato anche il tema dell’equità e degli strumenti di accertamento che possono e devono essere messi in atto per dare piena attuazione alla riforma IGR a cinque anni dalla sua entrata in vigore.

Comunicato stampa
Adesso.sm