Logo San Marino RTV

Riforma previdenziale: “non decolla” la trattativa tra Governo e sindacati, che chiedono risposte chiare su fondi pensione e crisi bancarie

Il Segretario Santi auspica comunque condivisione nella ricerca di soluzioni corrette e sostenibili. I rappresentanti dell'Esecutivo hanno incontrato, a Palazzo Begni, anche categorie economiche ed opposizioni

30 mag 2019
Il Segretario Franco SantiRiforma previdenziale: “non decolla” la trattativa tra Governo e sindacati, che chiedono risposte chiare su fondi pensione e crisi bancarie
Riforma previdenziale: “non decolla” la trattativa tra Governo e sindacati, che chiedono risposte chiare su fondi pensione e crisi bancarie

La riforma previdenziale, per il Segretario Santi, dovrà comunque essere portata a compimento, a prescindere dall'esito del referendum. Il compito, però, non si preannuncia facile, anche alla luce dell'incontro di questa mattina; che si è concluso comunque con una certezza: lo sciopero prospettato nei giorni scorsi non si terrà; almeno per il momento. Questo perché la delegazione di Governo – sottolinea la CSU – ha assicurato che il progetto di legge “non verrà portato in Consiglio nella prossima sessione”. Ma le tensioni restano, e la Centrale ha ribadito che, prima di parlare di pensioni, occorra dare risposte a “quesiti fondamentali”; in primis la stabilità del sistema bancario. Altra precondizione è avere garanzie sui fondi pensionistici allocati nelle banche. Sul punto, la CSU ha chiesto inoltre il ripristino del contributo statale, “recuperando anche le risorse non versate nel 2019”. “Altro punto interrogativo – si sottolinea – è la sorte dei circa 100 milioni, tra primo e secondo pilastro, presenti in Banca CIS”. “L'incontro - afferma dal canto suo l'USL - si è trasformato di fatto in un dibattito sul sistema finanziario”, con la richiesta, da parte sindacale, di “risposte chiare sui Fondi Pensioni” e di un “confronto sul progetto di legge per la risoluzione delle crisi bancarie”. E che vi sia una stretta correlazione tra queste tematiche, e la trattativa sulla riforma, è lo stesso Santi – presente all'incontro insieme al collega Zanotti – a riconoscerlo; specie se si considerano i circa 450 milioni di riserva tecnica, ha detto, negli istituti di credito. L'USL ha ribadito la necessità di una profonda modifica della riforma previdenziale, considerata recessiva per l'economia sammarinese. Tutto ciò mentre all'esterno di Palazzo Begni era in corso il sit-in organizzato dalle Federazioni Pensionati della CSU. Presenti alcune decine di persone, di tutte le età. Diversi i cartelli, alcuni dei quali fortemente critici verso l'Esecutivo. In giornata il Governo ha incontrato anche i rappresentanti delle categorie economiche e delle forze di opposizione.

Nel servizio le interviste a: Franco Santi – Segretario di Stato alla Sanità Nerina Zafferani - FUPS CsDL