Logo San Marino RTV

Conte parlerà alle Camere per decidere di prolungare lo stato di emergenza a fine ottobre

Contagi ancora in aumento: +306 in tutta Italia, +55 in Emilia Romagna. De Luca: "In Campania chiuderò i negozi dove non si usano mascherine"

di Francesca Biliotti
23 lug 2020
dalla corrispondente Francesca Biliotti
dalla corrispondente Francesca Biliotti

C'è un sostanziale accordo sulla proroga dello stato di emergenza fino al 31 ottobre, resta da capire lo strumento legislativo per prolungare i decreti già emanati: il 29 luglio il primo passaggio del presidente del Consiglio Conte alle Camere. Intanto passa all'unanimità a Montecitorio la proposta di istituire la Giornata in memoria delle vittime da coronavirus, che ora va al Senato. I dati sul contagio preoccupano il presidente della Campania De Luca, che non contento dell'obbligo di mascherine all'aperto nell'isola di Capri, annuncia una nuova ordinanza per la chiusura dei negozi dove non solo gli addetti, ma anche i clienti non adottino dispositivi di protezione. E sollecita anche “l'indignazione pubblica” verso chi non li usa: “Sono cafoni incivili – ha detto – che mettono a rischio la salute degli altri”.

Oggi in Italia sono 306 i casi di contagio in più, ancora in aumento rispetto a ieri, 10 le vittime, dunque uno in più, e l'Emilia Romagna sostanzialmente stabile, +55 casi in un giorno, con Rimini a +11 per via dei 9 casi scoperti a Viserba, asintomatici. Degli altri due solo uno ha lievi sintomi. Nessun decesso in Regione. Negli Stati Uniti il presidente Trump pressa per riaprire le scuole, decisione che spetta ai governatori. Intanto gli organismi di controllo sulla sanità pubblica statunitensi scrivono nuove linee guida sul virus, in base alle quali per determinare se un paziente può uscire dall'isolamento non è necessario un tampone negativo ma sono sufficienti 10 giorni dall'inizio dei sintomi, e che non abbia febbre da 24 ore.

A Washington però diventa obbligatorio l'uso della mascherina, anche perché i contagi in un giorno sono stati 64mila, con 1.059 vittime.