Logo San Marino RTV

L'omaggio del presidente Mattarella a Codogno: "Da qui riparte l'Italia, nei valori della Costituzione, senza distinzioni"

A Roma corteo del centrodestra con Salvini, Meloni e Tajani, senza rispettare alcuna regola sui distanziamenti di sicurezza

di Francesca Biliotti
2 giu 2020
Dalla nostra corrispondente Francesca Biliotti
Dalla nostra corrispondente Francesca Biliotti

Una cerimonia in forma ridotta, senza parate, con le Frecce Tricolori a sottolineare la solennità del momento: insieme alle autorità il solo presidente della Repubblica ha deposto la corona d'alloro, prima di recarsi a Codogno, dove 103 giorni fa fu scoperto il paziente numero uno affetto da Covid 19. Accolto dagli applausi, il presidente Mattarella nel cimitero del Comune ha reso omaggio ai deceduti: il 21 febbraio, ha annunciato il sindaco Passerini, sarà il giorno per ricordare le vittime del coronavirus. “Da qui riparte l'Italia”, ha detto il capo dello Stato. In spregio ad ogni distanza di sicurezza a Roma si è ritrovato il centrodestra di Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Antonio Tajani, tra assembramenti e selfie, per dire al governo che “l'Italia non si arrende”. Quella che doveva essere una manifestazione simbolica si è trasformata in un vero corteo, tra ressa di troupe, polizia, militanti e curiosi, tutti stretti nella centrale via del Corso, senza alcun rispetto delle regole sul distanziamento.

Nel video l'intervento del presidente della Repubblica Sergio Mattarella