Logo San Marino RTV

Lettera a leggo.it, Conte: “L’Italia tornerà a correre”

18 mag 2020
Lettera a leggo.it, Conte: “L’Italia tornerà a correre”

Voglia di ripartire, ma con prudenza. Questo, in estrema sintesi, il messaggio che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha affidato ad una lettera a leggo.it. "Oggi entriamo a pieno regime nella Fase 2, ci inoltriamo con fiducia e responsabilità nella strada che ci conduce al ripristino delle ordinarie attività di vita sociale ed economica. Il Paese si sta rimettendo in moto, in maniera prudente e ordinata, seguendo le indicazioni del Governo", si legge. L'invito è però quello a non dimenticare che "la strada è ancora lunga e non dovremo mai abbassare la guardia, proteggeremo noi stessi e i nostri cari rispettando le regole di precauzione e di sicurezza che sono ormai note a tutti".

"Sappiamo che anche gli ultimi decreti legge – precisa il premier - non potranno essere la soluzione per tutti i problemi economici e sociali che stiamo vivendo. Siamo al lavoro giorno e notte per fare ancora di più e meglio. Il Governo non è sordo alle tante difficoltà che i cittadini stanno vivendo, e intende affrontarle una per una, assumendosi tutte le proprie responsabilità". Il governo, continua, "è pienamente consapevole" che tante persone "sono rimaste senza lavoro e senza uno stipendio".

"Gli italiani - scrive Conte - stanno confermando di aver fatto proprio quell'appello alla responsabilità, alla disciplina e al senso civico, che continueranno a essere fondamentali e cruciali anche e soprattutto nelle prossime settimane". Il premier ricorda le regole di sicurezza e di distanziamento, "tra queste: l'obbligo della mascherina su tram, bus, su tutti i mezzi pubblici e nei luoghi chiusi accessibili ai cittadini; la necessità di mantenere e poter garantire la distanza fisica di un metro e il divieto di creare assembramenti. Certo, se prendiamo a esempio i mezzi pubblici, siamo consapevoli che, in alcune particolari circostanze e in alcune fasce orarie, non sarà affatto facile rispettare queste cautele. Ma con l'impegno di tutti i cittadini e di tutto il personale dei servizi di trasporto e di tutti gli altri servizi offerti al pubblico, riusciremo ad essere all'altezza di questa sfida". “L’Italia tornerà a correre”, è la chiusura della lettera.