Logo San Marino RTV

Manovra italiana, l'evasione fiscale sarà trattata come la mafia

Confisca dei beni per chi evade su redditi e Iva. La ministra Bonetti chiede il "Family Act"

di Francesca Biliotti
10 ott 2019
Manovra italiana, l'evasione fiscale sarà trattata come la mafia
Manovra italiana, l'evasione fiscale sarà trattata come la mafia

L'evasione fiscale sarà trattata come la mafia: in caso di condanna , il fisco potrà procedere alla confisca dei beni per chi non avrà pagato il dovuto su redditi e Iva. E' una delle norme che dovrebbero essere contenute nella bozza di decreto fiscale collegato alla manovra. Secondo il governo, la stretta sull'evasione potrebbe portare fino a 3,3 miliardi di euro nelle casse dello Stato. Prima di erogare i crediti fiscali inoltre, il fisco preleverà quanto gli spetta se il contribuente ha debiti superiori a 100 euro, già diventati cartelle. L'Agenzia delle Entrate punta all'obiettivo di 9 miliardi di riscossione nel 2019. I sindaci aderenti all'Anci però avvertono sulla manovra: benissimo non aumentare l'Iva, ma se verranno toccate le risorse dei Comuni scenderemo in piazza. La ministra per le pari opportunità e la famiglia, Elena Bonetti, ha annunciato di aver chiesto un fondo per le politiche familiari, chiamato “Family Act”, che dovrebbe contenere il cosiddetto assegno unico, ossia un sostegno per ciascun figlio. E a proposito di giovani, preoccupante la ricerca di Unicef Italia per cui aumentano i giovani “Neet” (Not in Education, Employment or Training), che non studiano, non lavorano e non seguono percorsi formativi: Sicilia al primo posto, l'incidenza arriva al 38,6%, seguita da Calabria, 36,2% e Campania, 35,9%. A fronte di una media europea del 12,9%, l'Italia è al primo posto con il 23,4%.