Logo San Marino RTV

Rimini miglior provincia per tempo libero e divertimento, lo dice il "Sole 24 Ore"

di Lucia Minieri
20 ago 2019
RiminiRimini
Rimini

Quando si misura la qualità della vita, non sempre la provincia di Rimini ne esce benissimo. Spesso le voci “sicurezza” e “criminalità” diventano un ostacolo e la classifica ne risente. Ma su un punto fermo si può contare... in riviera non ci sia annoia mai! Non mancano divertimento e tempo libero, occasioni e svago. Per questo Rimini è stata incoronata regina dell'estate e del cosìdetto “italian lifestyle”. Il tutto viene fotografato da una ricerca del “Sole 24 Ore”, dedicata a “cultura e turismo” che analizza la situazione nelle 107 province italiane attraverso 12 indicatori. Colloca la provincia di Rimini, seguita da Firenze e Venezia, in vetta alla classifica nazionale dell'indice del tempo libero. Fanalini di coda  i capoluoghi del Mezzogiorno, tra i quali spicca Enna che si conferma maglia nera. La provincia della riviera romagnola svetta anche nella graduatoria legata alla densità turistica e si posiziona davanti a Venezia, Napoli e Milano. Seconda posizione, subito dopo Verona, per la spesa che ogni cittadino sceglie di fare in spettacoli culturali, confermando il “non solo mare” e la  “voglia di cultura” da parte dei riminesi. Confermata anche  la qualità dei servizi offerti a cittadini e turisti. Non benissimo invece nella classifica per permanenza media dei turisti e per numero di agriturismo, dove si attesta rispettivamente il 20° e 35° posto.

“Vogliamo rilanciare le atmosfere della Dolce vita! - afferma il sindaco Gnassi-  Negli ultimi anni Rimini ha scelto di cambiare pelle e di investire per diventare meta turistica attrattiva 12 mesi l'anno, non solo come meta balneare”.

“Non si tratta del successo di una singola comunità – rimarca il presidente provinciale Santi - Si tratta del successo di un sistema territoriale complesso, fatto di venticinque amministrazioni pubbliche, di una rete di servizi e imprese private con un' offerta ricca di proposte in un contesto fatto di natura, identità, tradizioni e storia”