Logo San Marino RTV

Test anti-Covid al rientro, si stima siano almeno 10mila gli italiani in vacanza all'estero

Il presidente Conte replica dopo gli avvisi di garanzia ricevuti: "Abbiamo sempre agito con coscienza, per preservare gli interessi della comunità"

di Francesca Biliotti
13 ago 2020

“Sono state decisioni impegnative e sofferte, assunte senza disporre di un manuale, di protocolli di azione – scrive il presidente del Consiglio Giuseppe Conte – Abbiamo sempre agito con coscienza, senza la pretesa di essere infallibili, ma nella consapevolezza di dover sbagliare meno possibile, per preservare gli interessi della comunità”. E' la risposta agli avvisi di garanzia ricevuti, insieme ad altri 6 ministri del governo, dopo le denunce presentate in tutta Italia per la gestione della pandemia. Denunce per reati che vanno da abuso d'ufficio fino a delitti contro la salute pubblica e ad attentato contro la Costituzione, ma che la stessa Procura di Roma, ha puntualizzato Palazzo Chigi “ritiene infondate e da archiviare”. Fosche intanto le previsioni del coordinatore del Comitato tecnico scientifico Miozzo: “Nuovi lockdown saranno inevitabili se la situazione sfugge.