Logo San Marino RTV

Voci di crisi, Civico10 pronta a ritirare la delegazione di Governo? Ciacci chiarisce

Ieri un'Assemblea compatta ha riconfermato la linea del capogruppo alla Festa dell'Amicizia

di Monica Fabbri
28 ago 2019
Matteo CiacciMatteo Ciacci sulla situazione politica
Matteo Ciacci sulla situazione politica

A poche ore dalla Direzione di SSD sale la temperatura in maggioranza. L'Ansa parla di crisi di governo imminente, con Civico 10 pronto a ritirare la propria delegazione.

Il via libera sarebbe arrivato – si legge – ieri sera. La decisione, non sostenuta dai segretari Andrea Zafferani e Franco Santi, sarà ufficializzata – continua Ansa - la prossima settimana in Consiglio Grande e Generale. Le fibrillazioni in maggioranza non sono un mistero ed è ormai da più di un mese che circolano con insistenza rumors di elezioni anticipate. Ci sarebbe già la data: metà novembre.

Ieri sera l'assemblea di Civico10 ha riconfermato la linea del capogruppo alla Festa dell'Amicizia. Nessun timore, quindi, di tornare alle urne. “Abbiamo la coscienza pulita” spiega Matteo Ciacci. In queste ore il suo cellulare non ha smesso di squillare. Quanto approvato ieri in maniera compatta dall'Assemblea si può riassumere in tre punti: rispetto degli alleati; avvio della fase di responsabilità; nessuna paura del voto. Ciacci parla a nome del movimento “alla luce – dice - delle strumentalizzazioni fatte sul nostro conto e sulla crisi di governo”. Nessun colpo di scena, “abbiamo sempre espresso pubblicamente la nostra posizione. Il confronto fra maggioranza ed opposizione – aggiunge - deve necessariamente proseguire”.

Civico10 staccherà la spina? “Qualsiasi decisione – risponde – verrà fatta con la massima trasparenza nei confronti degli alleati. Ragioniamo assieme sulle varie opzioni”. La maggioranza ha deciso di incontrare domani la Dc e c'è chi sospetta che ci sia già un accordo fra Civico10 e Via delle Scalette per un Governo di larghe intese. Per Ciacci sono illazioni: “Vogliamo continuare il confronto con tutte le forze politiche così come deciso in maggioranza e a quel tavolo cercheremo di dare il massimo”. Poi, un passaggio su Libera, in attesa attesa della riunione di SSD. “Abbiamo piena fiducia nell'alleato e non vogliamo in alcun modo influenzare il suo direttivo”.

Nel frattempo sui social i membri di Civico10 confermano la compattezza del movimento. Luca Santolini, in particolare, smentisce notizie di spaccature imminenti. Parla di “scemenze” e chiarisce: nessuna frattura. È chiaro – scrive - che c'è chi continua a giocare sporco, gettando fango ad orologeria, strumentalizzando posizioni ed iniziative”.