Logo San Marino RTV

Basket serie A, Trento prima semifinalista

17 mag 2017
Basket serie ABasket serie A, Trento prima semifinalista
Basket serie A, Trento prima semifinalista - Con la vittoria in Sardegna infatti la Dolomiti Energia si porta sul 3-0 e centra al primo match poi...
La trasferta di Sassari per quanto non comoda, vale per Trento un passaggio nella storia. Con la vittoria in Sardegna infatti la Dolomiti Energia si porta sul 3-0 e centra al primo match point la prima semifinale della sua storia. L'avvio è frenatico, il banco abusa di tentativi da tre, Trento invece se la gioca più razionalmente e si trova avanti di 6 sul 9-15, poi Sassari alza l'intensità difensiva e alla prima serena aggancia la parità a quota 21. Nel secondo ancora Trento a provare l'allungo sfruttando il solito problema di Sassari. L'abuso del tiro da tre che nonostante non entri continua ad essere la soluzione preferita da Sassari. Per frenare l'avanzata trentina Pasquini si mette a zona, Lacey lavora forte, Stipcevic cresce e gli ospiti rallentano. Al riposo è il Banco avanti di 2. Un sostanziale equilibrio che regna anche nel terzo periodo, ma non nel quarto. Sassari crolla, aperto il dibattito se i padroni di casa abbiano mollato prima di fisico o di testa. Trento vola anche a +10 e comunque tiene sempre due possessi di vantaggio sulla sirena che suona 69-75 costruisce il suo capolavoro. Milano invece torna in vantaggio vincendo 80-94 a Capo d'Orlando e girando una serie che era partita male. La prima favorita per lo scudetto giocherà quindi in Sicilia il primo match point per la semifinale. Partita dominata dagli uomini di Repesa: chili e centimentri sono tutti dalla parte di Milano che con Raduljica, Pascolo e Kalnietis. Il Palafantozzi è una bolgia e prova a spingere i suoi ragazzi verso un nuovo miracolo, ma  tutto il furore dei ragazzi di Di Carlo si estrinseca in un primo tempo all'arma bianca. All'intervallo lungo la Sicilia sogna con i 5 punti di vantaggio, ma quanto costa in termini di durata questo exploit sarà più chiaro nel proseguo. L'Armani fa male dalla lunga distanza, Capo resta in partita con Kikowski e Tepic. ma ormai si gioca a due velocità e il destino è segnato.