Logo San Marino RTV

Bocce, avanti tutta anche nell'Individuale

1 lug 2009
Bocce avanti tutta anche nell'Individuale
Bocce avanti tutta anche nell'Individuale - Bene Ciucci e Albani, Zonzini è finalista nel Double Trap.
Pescara è il decimo Castello della Repubblica tanti sono i sammarinesi impegnati sui vari campi. Si comincia con il sollevamento Pesi, disciplina che in televisione non ci va mai, per applaudire la bella prova di Stefano Guidi, nono assoluto (120 kg nello Strappo e 170 nello Slancio). Per lui Giochi da incorniciare, non solo da ricordare.
Niente da fare contro l’Italia per Alfredo e Francesco Tabarini: i due gemelloni del Beach si sono difesi rimendiando un periodico 21-13.
E’ mancato l’acuto di una Simona Muccioli stanchissima. Ottavo tempo dello starting list il suo, eppure la finale è affare di altri, Simona chiude decima i 200 Delfino in una stagione comunque eccezionale. In precedenza invece Pietro Camilloni ha ritoccato il personale nei 50 dorso, Clelia Tini ha vinto la sua batteria nei 100 Stile.
Bel colpo, anzi doppio colpo di Maurizio Zonzini nel Double Trap: dopo un lungo inseguimento ha acchiappato un lusinghiero sesto posto valido per partecipare alla finale. Finale nella quale non ha modificato la sua posizione. L’altro Tiro, quello a Segno, non porta buone nuove. Erika Ghiotti e Maria Luisa Menicucci fuori dal giro che conta.
E l’americano di San Marino, Casey Steve Calmi è partito con più speranze sportive che parole di italiano nel torneo di Golf. Nel primo giro ha perso due palle e nessuno la butti sul ridere. Vuol dire semplicemente ricominciare e rigiocare la buca. Più cinque sul Par, ma per dire qualcosa metallicamente parlando occorre recuperare. Oggi dopo 11 buche stava stava a meno -1, come dire che la risalita è cominciata.
Tre su tre nell’individuale di Bocce. Anna Ciucci ha battuto Croazia e Montenegro e vola in vetta al girone. La biancazzurra ha anche sconfitto per 12-9 l’atleta della mezzaluna Junksel nel terzo incontro femminile. Matteo Albani ha cucito un cappottino sull’avversario maltese. Magari aveva freddo, certo i nostri hanno una gran fame.

Roberto Chiesa