Logo San Marino RTV

Sambenedettese-Vicenza 2-1: Capuano la vince coi cambi e torna 2°

22 mar 2018
Sambenedettese-Vicenza 2-1Sambenedettese-Vicenza 2-1: Capuano la vince coi cambi e torna 2°
Sambenedettese-Vicenza 2-1: Capuano la vince coi cambi e torna 2° - Dopo un pessimo primo tempo, il tecnico dei rossoblu cambia tutto l'attacco e i subentrati Miracoli,...
Formazione iniziale sbagliata o perfetta lettura della partita, in casi del genere il dilemma è questo. Sta di fatto che la Sambenedettese non riesce a scardinare il Vicenza e Capuano allora ribalta il tridente d'attacco, coi subentrati Miracoli, Di Massimo ed Esposito che firmano gol e assist del 2-1 finale. I rossoblu – ormai lontani dalla crisi d'inizio anno - si riprendono il secondo posto perso col pareggio di Fano, unica non vittoria delle ultime quattro gare.

A far da nota stonata il terzetto Bellomo-Valente-Stanco, che non va oltre a un paio di combinazioni facilmente stoppate da Valentini. Ma il primo tempo regala poco anche sul fronte Vicenza, il cui massimo è una botta al volo di Tassi dalle basse pretese. Molto meglio la ripresa, aperta da una punizione appena a lato di De Giorgio.

Intanto Capuano procede con le grandi manovre, raccogliendo subito i frutti: Mattia combina con Gelonese, passa tra Giraudo e Giorno e viene sgambettato da quest'ultimo, sul dischetto va Miracoli – in campo da 2' – e l'esecuzione è perfetta. Ora è samba-Samb: Tomi in verticale per Esposito che sommerge di finte Tassi, l'ultima però è di troppo e si ritrova murato in angolo. Poi il raddoppio, un capolavoro tutto o quasi di prima: Di Massimo, appoggio d'esterno di Miracoli e lob di Esposito per l'inserimento ancora di Di Massimo, che completa l'opera con stop d'autore e spaccata sempre d'esterno, eludendo l'uscita di Valentini.

Il Vicenza sparisce fino all'84°, quando De Giorgio riceve a sinistra, si allarga su Gelonese e crossa in area, dove Ferrari s'inserisce tra Miceli e Di Pasquale sporcandola in rete. Partita riaperta e recupero con vista sul pari: De Giorgio, sponda di Lucca e Comi è smarcato sulla mezzaluna, il Riviera vede le streghe ma poi vede pure il tiraccio dal limite dell'attaccante e può respirare. È l'ultima occasione, dopodiché triplice fischio e altro scivolone dei biancorossi, capaci, da quattro gare a questa parte, di un solo punto.

RM