Logo San Marino RTV

Roma: da PD a DP, il lavoro al centro del programma di Democratici e Progressisti

25 feb 2017
Roberto SperanzaRoma: si presenta "Democratici e Progressisti", da PD a DP
Roma: si presenta "Democratici e Progressisti", da PD a DP - E' "Democratici e Progressisti" il nome del nuovo movimento che nasce a sinistra del Pd. Questo a Ro...
Inverte le lettere e la rotta del Pd. Nasce il gruppo di ex dem e sinistra italiana, il Movimento democratico progressista DP. Ci sono gli scissionisti di casa Renzi Rossi e Speranza, da Sinistra Italiana arrivano Scotto e Smeriglio che hanno preso il largo dal partito guidato da Nicola Frattoianni. Si sono ritrovati oggi a Roma per presentare anche il manifesto che parte dall'articolo uno della costituzione. Il diritto al lavoro al centro del programma e la volontà di  fissare immediatamente una data per lo svolgimento dei referendum sul lavoro promossi dalla Cgil e sottoscritti da oltre tre milioni di cittadini, via i vaucher prima di tutto.

"L’unico modo per arginare l’onda populista è quello di tornare a essere popolari" si legge nel manifesto. E sulla genesi di questo nuovo soggetto Speranza ha indicato nel Jobs Act, nella Buona Scuola e nel referendum sulle trivelle i passaggi che "hanno creato una rottura tremenda".Il primo neo: “Sì”, “no”, “nì”, “vedremo”. O ancora: “Troveremo le formule per un voto comune”. Appena nato, ma già diviso sul nodo decisivo della fiducia al governo Gentiloni
La prossima settimana nasceranno i gruppi parlamentari. Nel frattempo Errani lascia il Pd contestando a Renzi di non aver chiuso l'assemblea nazionale con un discorso che dimostrasse la sua volontà di accogliere le istanze di tutti. 
Nel video l'intervista a Roberto Speranza, DP

Valentina Antonioli