Logo San Marino RTV

Eurolega, spettacolo Milano: James piega il Khimki allo scadere

26 ott 2018
Milano - Khimki 81-80Eurolega, spettacolo Milano: James piega il Khimki allo scadere
Eurolega, spettacolo Milano: James piega il Khimki allo scadere - A 3" dalla sirena l'americano va in lunetta su un tentativo da fuori, fa 3/3 e sigla l'81-80 sui rus...
Dopo il largo sacco del Pireo, Milano si prende un altro successo da sogno, un 81-80 sul Khimki in una gara che – come suggerisce il punteggio – è un thriller mozzafiato fino in fondo. Ulteriore conferma che quest'anno il vento è cambiato: è il terzo successo in quattro turni, più in alto, in attesa del CSKA, c'è solo l'imbattuto Real Madrid. Una prova del nove importante, sia per l'avversario – notoriamente molto di più del suo 0 in classifica – sia perché Pianigiani è senza Nedovic, fermato da un problema muscolare nel prepartita, e ha un Micov in serata no.

In compenso il terzo tenore Mike James canta forte con 25 punti e 8 assist, e a dargli manforte c'è il blocco baltico: Gudaitis domina le aree col doppio 13 punti/rimbalzi, Bertans ne fa 16 con 4 triple e un terzo quarto da urlo, Kuzminskas salta fuori alla bisogna.

C'è da arginare il miglior attaccante d'Europa, Alexey Shved, e l'impresa riesce a metà: da un lato la difesa in rosso lo costringe a un misero 5/19 dal campo – con 1/10 nella specialità di casa, la tripla – dall'altro lui trova lo stesso 19 punti e 10 assist. Assist spesi in grossa parte in avvio, con un sentito grazie da Bost – 14 punti – e soprattutto da Jordan Mickey, che sembra invertire nome e cognome con 26 punti – 14 dei quali in un secondo quarto dominato dai suoi – e 7 rimbalzi. Milano replica con una terza frazione ricca di botte da fuori: Bertans ne infila tre in rapida successione, e nel mezzo anche James mette la sua.

Nell'ultimo periodo si lotta all'arma bianca, in tutti i sensi visto che Gudaitis si vede aprire la faccia dal gomito di Monia e va negli spogliatoi. Il massimo distacco è un +4 Milano firmato James e cancellato dalla tripla di Monia, che sempre dall'arco, a 24” dalla fine, sigla il +2 russo. E qui c'è il capolavoro di James: temporeggia finché può, ci prova da lontano e prende il fallo di Mickey, trovando il sorpasso con un 3/3 in lunetta e con 3” sul cronometro. C'è un ultimo possesso Khimki e il Forum trattiene il fiato, ma sia Shved che Monia mancano il bersaglio e la sirena cancella ogni paura, per una vittoria che più bella non si poteva proprio.

RM