Logo San Marino RTV

Playoff: Catania rimonta il Francavilla, Novara, Padova e Catanzaro avanti senza reti

I cinque gol di serata arrivano tutti sotto l'Etna.

1 lug 2020

Mentre cerca di uscire dalla burrasca societaria, il Catania riesce a restare dentro ai playoff: 3-2 in rimonta sulla Virtus Francavilla, che nei 20' iniziali pare imbastire la goleada. Perez la sblocca anticipando Calapai sull'imbucata da destra di Vazquez, che segna a sua volta incrociando di testa su angolo di Mastropietro. La riscossa etnea parte sempre da corner, 4' dopo: Pinto batte e Silvestri la tocca a liberare Biondi, che elude fortunosamente Poluzzi stoppandola in scivolata e in qualche modo riesce pure ad accorciare. Biondi protagonista anche nell'azione del pari: Capanni lo cerca in area, Delvino forse la sfiora col braccio e per l'arbitro è sufficiente per il generoso rigore trasformato da Curcio. Sembra più netto il rigore sull'altro fronte, dove Vazquez s'inserisce in area su boa di Perez e crolla sul pestone di Mbende. L'arbitro però è di altro avviso: simulazione, secondo giallo per l'argentino e Francavilla che, di fatto, alza bandiera bianca. Così, nel recupero, il Catania sorpassa con la discesa di Pinto, che manda a spasso Delvino, ringrazia Marino per la scivolata senza senso e blinda la qualificazione.

Per il resto solo reti bianche, il che premia le squadre di casa. Lo 0-0 con l'Albinoleffe manda il Novara direttamente alla fase nazionale, visto che il Pontedera, suo teorico avversario nel secondo turno, ha dato forfait. L'Albino fa paura solo nel primo tempo: Gelli incrocia a lato, Gonzi sbatte sui guanti di Lanni e Canestrelli scheggia il palo su angolo di Genevier. Infine l'errore di Pogliano che libera Sibilli, incapace di centrare lo specchio a tu per tu con Lanni. 0-0 da qualificazione anche per il Padova, ora atteso dalla FeralpiSalò. Eliminata la Sambenedettese, che si limita a due mezze occasioni sciupate da Cernigoi, prima, e Di Massimo, poi. L'altro 0-0 promuove il Catanzaro a scapito del Teramo, che nei 45' iniziali rischia l'imbarcata – da horror il portiere Valentini – ma in chiusura di frazione quasi passa con la punizione di Bombagi, tolta dal sette dal volo di Bleve. Nella ripresa invece c'è solo la girata sconclusionata di Magnaghi per gli abruzzesi, che nel finale restano in 9 per il doppio giallo a Piacentini e per il rosso a Cappa.